Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 21 Ottobre 2017, ore 03.15
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Petrolio, scorte in calo negli USA e i prezzi risalgono

A contribuire all'aumento del greggio i tagli che potrebbe fare Riyad

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - Prosegue con vigore la discesa delle scorte settimanali di greggio negli USA.

Grazie a queste indicazioni, il future sul Light crude si è portato sui 49,34 dollari al barile (+0,35%), mentre quello sul Brent è andato al +0,50% a 52,4 dollari.

Secondo l'EIA, divisione del Dipartimento dell'Energia americano, le scorte di petrolio nella settimana al 28 luglio 2017 sono risultate in diminuzione di -6,5 milioni a 475,4 MBG , rispetto ai 481,6 MBG della scorsa settimana. Il consensus prevedeva invece una discesa a 2,7 MBG.

Parallelamente, gli stock di distillati sono scesi di 1,7 milioni di barili a 147,7 MBG, mentre le scorte di benzine sono aumentate di 3,4 milioni a 231,1 MBG. Le riserve strategiche di petrolio rimangono invariate a 678,9 MBG.

In realtà la risalita del greggio è iniziata in vista dei tagli che potrebbe fare l'Arabia Saudita. Notizia che sta galvanizzando i prezzi del petrolio, tornati a salire dopo la breve pausa. Al momento si tratta solo di rumors nel giorno in cui si chiude il vertice OPEC e non OPEC di Abu Dhabi.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.