Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 18 Ottobre 2017, ore 00.26
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Borsa, al via l'Italian Equity Week: presenti 200 società quotate e non

Più di 180 investitori provenienti da 4 continenti s'incontreranno a Milano per una tre giorni di eventi dedicata ai principali settori trainanti dell’economia italiana: lifestyle, industria e infrastrutture

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - Oltre 180 investitori in rappresentanza di oltre 120 case d'investimento da 4 continenti (America, Asia, Australia, Europa) parteciperanno all'Italian Equity Week, una tre giorni di eventi (5-6-7 settembre) dedicata ai principali settori trainanti dell’economia italiana: lifestyle, industria e infrastrutture.

L'evento organizzato da Borsa Italiana, ha l’obiettivo di agevolare la relazione tra le società e gli investitori domestici e internazionali specializzati nei diversi settori e al contempo illustrare alle società non quotate le opportunità offerte dall'accesso al mercato dei capitali.

“Il mercato dei capitali svolge un ruolo fondamentale nel supportare la crescita delle aziende - ha dichiarato Raffaele Jerusalmi, Amministratore Delegato di Borsa Italiana. Finalmente anche molte società italiane, negli ultimi anni, hanno scelto con successo la quotazione per raccogliere capitali al fine di continuare a sostenere i loro ambiziosi progetti di crescita. La presenza di primari investitori domestici e internazionali è una conferma del forte interesse verso il nostro mercato. Siamo convinti che queste giornate dedicate a settori cruciali per l’economia italiana rafforzeranno ulteriormente questo interesse e aiuteranno ad avvicinare alla quotazione molte altre aziende eccellenti del nostro Paese”.

“Appare sempre più evidente come la finanza diventi una funzione strategica dell’impresa che deve imparare ad essere eccellente in ogni sua funzione - ha sottolineato invece Vincenzo Boccia, Presidente di Confindustria. L’accordo con Borsa Italiana serve ad avvicinare con metodo e fiducia il mondo dei capitali a quello delle imprese perché queste possano crescere senza debito valorizzando i propri asset patrimoniali e trasformandosi, laddove ancora non sia avvenuto, da aziende familiari ad aziende istituzione. Il passaggio da una condizione all'altra ha implicazioni dimensionali, organizzative e culturali, oltre che finanziarie, utili a far compiere al sistema imprenditoriale italiano un importante salto di qualità indispensabile per fronteggiare la complessità dei mercati, interno e internazionale”.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.