Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 20 Novembre 2017, ore 04.59
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Partite IVA in calo a luglio. Giovani e commercianti restano i più attivi

Economia ·
(Teleborsa) - Si riduce il numero di autonomi e di imprenditori a luglio. E' quanto emerge dall'ultimo Osservatorio sulle partite IVA diffuso dal MEF - Ministero dell'Economia e delle Finanze, che segnala l'apertura di 37.706 nuove partite IVA in calo dell'1,1% rispetto all'anno precedente. Anche a giugno il numero era calato.

Guardando alla natura giuridica delle nuove aperture si evidenzia ancora una prevalenza delle persone fisiche (autonomi e professionisti) pari al 66,6% del totale, seppur con un calo del 4% rispetto ad un anno fa. Seguono le società di capitali al 28,1% del totale e con un incremento del 10% rispetto ad un anno fa. Le società di persone si attestano al 4,4%, mentre la percentuale delle aperture dei "non residenti" e delle "altre forme giuridiche" è pari allo 0,9%.

Riguardo alla ripartizione territoriale, il 42% delle nuove aperture e' localizzato al Nord, il 23% al Centro ed il 35% al Sud ed Isole. Il confronto con il corrispondente mese dell'anno precedente evidenzia gli incrementi maggiori in Valle d'Aosta (+26,2%), Sicilia (+15,4%) e Liguria (+11,4%); le flessioni piu' marcate sono avvenute in Basilicata (-53,2%), Molise (-17,4%) ed Emilia-Romagna (-7,6%).

La classificazione per settore produttivo mostra, come di consueto, che il commercio registra il maggior numero di aperture di partite Iva (20,6% del totale), seguito dalle attività professionali (14,5%) e dalle costruzioni (8,9%).

L'attività in proprio non è prerogativa dei giovani. Uno su due (il 47,4% delle aperture) è attribuibile ai giovani fino a 35 anni e il 33% a soggetti tra 36 e 50 anni, ma rispetto al luglio dello scorso anno emerge un aumento di avviamenti al crescere dell'età (dal -5,8% della classe più giovane al +5% della più anziana).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.