Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 22 Novembre 2017, ore 10.19
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Lavoro, c'è il recupero ma si è ancora lontani dai livelli precrisi

L'occupazione non tiene il passo con il Pil, mentre sono sempre di più i posti dipendenti a tempo. Prosegue il boom dei contratti a chiamata

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - Un lavoro non ancora ai livelli pre-crisi, che cresce meno del Pil, concentrato nei servizi, dipendente e sempre più precario. Questa è la fotografia scattata dalla nota Istat-Ministero del Lavoro-Inps-Inail sulle tendenze dell'occupazione nel secondo trimestre.

Il tasso di occupazione destagionalizzato nel periodo è risultato pari al 57,8% (+0,2% rispetto al trimestre precedente). Considerando l’ultimo decennio (2008-2017), il tasso recupera oltre due punti percentuali rispetto al valore minimo (terzo trimestre 2013, 55,4%) ma è ancora distante di un punto da quello massimo registrato nel secondo trimestre del 2008 (58,8%). Inoltre l’input di lavoro misurato in termini di Ula (Unità di lavoro equivalenti a tempo pieno) mostra una dinamica più lenta rispetto a quella del prodotto (+0,2% vs +0,4% sotto il profilo congiunturale e +0,7% vs +1,5% in termini tendenziali).

La crescita tendenziale dell’occupazione è ancora interamente determinata dal lavoro dipendente in termini sia di occupati (+2,1%) sia di posizioni lavorative riferite specificamente ai settori dell’industria e dei servizi (+3,2%). Il lavoro indipendente continua a diminuire sia a livello tendenziale (-203 mila occupati, -3,6%) riguardando in quasi un terzo dei casi i collaboratori, sia congiunturale (-71 mila occupati, -1,3%), accentuando il suo trend negativo di medio periodo.

L'andamento positivo nelle posizioni dipendenti è dovuto alla crescita nei servizi (+98 mila posizioni) e, seppure ridotta, nell’industria in senso stretto (+11 mila). Nell’agricoltura si osserva un lievissimo incremento (+4 mila) mentre nelle costruzioni prosegue la lieve riduzione (-2 mila posizioni).

Con riferimento alla tipologia contrattuale, l’aumento congiunturale delle posizioni lavorative dipendenti è frutto di 56 mila posizioni a tempo indeterminato e di 55 mila posizioni a tempo determinato. Se le prime crescono ininterrottamente dal 2015, anche se in forte rallentamento nell’anno successivo, per le posizioni a tempo determinato l’incremento è iniziato dal secondo trimestre 2016 (passato da +44 mila a +329 mila secondo i dati del Ministero del lavoro).

Secondo i dati Istat è significativo l’impatto dell’invecchiamento sul mercato del lavoro che contribuisce a spiegare la crescita del numero degli occupati ultracinquantenni, indotta anche dall’allungamento dell’età pensionabile. I tassi di occupazione per età, che per definizione non risentono degli effetti demografici, crescono su base annua per le persone con più di 34 anni – e in particolare per gli ultracinquantenni - mentre permane debole la tendenza al recupero per i giovani fra i 15 e 34 anni.

Il numero dei lavoratori a chiamata o intermittenti, dopo 4 anni di calo ininterrotto e una prima inversione di tendenza nel quarto trimestre 2016 (+2,5%), nel primo trimestre ha fatto registrare una significativa ripresa (+13,5%), in seguito anche all’abrogazione dei voucher, che si è accentuata notevolmente nel secondo trimestre (+73,7%). Resta invece sostanzialmente stabile l’intensità lavorativa misurata come numero medio di giornate retribuite nel mese (10).

Il numero dei lavoratori coinvolti nel lavoro somministrato continua a crescere: nel secondo trimestre del 2017 la variazione tendenziale raggiunge il valore massimo (+24,4%) degli ultimi 5 anni a fronte di una stabilità di intensità lavorativa (21 giornate retribuite nel mese).

Infine, gli infortuni sul lavoro accaduti e denunciati all'Inail nel periodo sono stati 140 mila (di cui 120 mila in occasione di lavoro e 20 mila in itinere) in diminuzione dell'1,5% (-2.127 denunce) rispetto al secondo trimestre del 2016. Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale sono state 229, contro le 223 dell'analogo trimestre (+2,7%).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.