Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 18 Ottobre 2017, ore 20.37
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Accelera la crescita economica dell'Eurozona

L'indice finale composito della produzione balza a 56,7 punti in settembre

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - Con una crescita della produzione che ha segnato l’accelerazione più forte negli ultimi quattro mesi, sostenuta dal più rapido rialzo dei nuovi ordini in quasi sei anni e mezzo, l’economia dell’eurozona di settembre conclude il terzo trimestre molto positivamente.

L’Indice PMI IHS Markit della Produzione Composita nell’Eurozona finale di settembre ha indicato 56,7 punti in salita rispetto ai 55,7 di agosto come la stima flash. Anche le aspettative sono rimaste positive, con l’ottimismo al record in quattro mesi.

L’Indice ha segnato valori in espansione nel corso degli ultimi 51 mesi. La media dell’intero terzo trimestre di 56 è stata tuttavia leggermente più debole del trimestre precedente (56,6).

A settembre, i tassi di crescita della produzione hanno indicato un’accelerazione sia del manifatturiero che del terziario, con il primo che
continua a registrare una prestazione generale maggiore. La produzione manifatturiera ha indicato il tasso più rapido di crescita da aprile 2011. Nel terziario l’espansione dell’attività è migliorata segnando un valore record in quattro mesi, uno dei migliori degli ultimi sei anni.

L’Indice PMI IHS Markit dell’attività economica del terziario nell'Eurozona finale di settembre ha indicato 55,8 punti, segnalando un aumento rispetto a 54,7 di agosto e superando la precedente stima flash di 55,6. Salgono a 50 i mesi consecutivi in cui si registra un’espansione. Eppure, la media del terzo trimestre di 55,3 ha indicato un indebolimento rispetto a 56 del trimestre precedente.

Tra i Paesi membri, la Germania si porta a 57,7 punti (flash: 57,8); l'Irlanda a 57,6; la Francia a 57,1 (flash: 57,2); la Spagna a 56,4 e l'Italia a 54,3 punti, minimo in 6 mesi.

"L’economia si accinge ad entrare nel quarto trimestre con un’economia stimolata da un flusso di nuovi ordini in crescita al ritmo più rapido in più sei anni e da rinvigorite aspettative di incremento futuro dopo la stasi estiva" - ha commentato Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit - aggiungendo che "la regione sembra perciò sempre più capace di resistere a qualsiasi scossone politico ed in posizione per raggiungere una fine dell’anno forte".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.