Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 23 Novembre 2017, ore 08.30
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Petrolio in rialzo su tensioni Kurdistan e scorte USA

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - I prezzi del petrolio consolidano i rialzi delle passate sedute sostenuti dal calo delle scorte negli Stati Uniti e dalle tensioni in Medio Oriente.

Il West Texas Intermediate (WTI) si è infatti portato a 52,11 dollari al barile, con un guadagno frazionale dello 0,44%, mentre il Brent scende dell'1,08% a 56,54 dollari al barile.

Nella settimana terminata il 13 ottobre, secondo quanto comunicato dall‘American Petroleum Institute (Api), le riserve di greggio di Washington sono diminuite di 7,1 milioni di barili. Nel pomeriggio di oggi, verranno pubblicati i dati ufficiali dell‘agenzia governativa EIA.

Resta elevata la tensione in Kurdistan dopo che l'esercito iracheno ha occupato la città di Kirkuk in risposta al referendum sull'indipendenza della regione.





Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.