Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 21 Luglio 2018, ore 23.18
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Borse europee in rosso. A Milano affonda Ferragamo

Il FTSE Mib ha terminato con un calo dello 0,40%. Giornata nera per il comparto retail, zavorrato dal crollo di H&M

Finanza, Commento ·
(Teleborsa) - Sessione negativa per Piazza Affari e le altre principali Borse europee, fatta eccezione per Londra che si muove in controtrend anche grazie alle ultime novità in materia di Brexit.

Il Consiglio europeo ha infatti autorizzato il passaggio alla cosiddetta "fase due" dei negoziati per il divorzio tra la Gran Bretagna e l'UE, quelli che riguardano gli aspetti commerciali.

Di scarso aiuto l'andamento in verde di Wall Street, che ha accolto con favore la decisione del senatore Marco Rubio di appoggiare la riforma fiscale tanto attesa dalla finanza americana.

A zavorrare il sentiment hanno concorso anche le vendite sul comparto retail (-2,31% sul relativo DJ Stoxx) in scia alla sessione da incubo del colosso H&M. La seconda catena di abbigliamento al mondo ha messo a segno la maggior perdita giornaliera dal 2001 dopo aver annunciato un inatteso calo delle vendite.

Sostanzialmente stabile l'Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,177.

Tra le principali commodities, nessuna variazione significativa per l'oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.254,1 dollari l'oncia mentre il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) avanza dello 0,78%, a 57,04 dollari per barile.

Lieve peggioramento dello spread, che sale a 151 punti base, con un aumento di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari all'1,81%.

Tra gli indici di Eurolandia tentenna Francoforte, che cede lo 0,44%. Bene Londra, che strappa un guadagno dello 0,57%, mentre Parigi chiude sotto la parità (-0,15%).

A Milano il FTSE MIB saluta l'ultimo giorno dell'ottava borsistica con una minusvalenza dello 0,44% a 22.094 punti, proseguendo la serie di tre ribassi consecutivi iniziata mercoledì scorso. Cede alle vendite anche il FTSE Italia All-Share, che chiude a 24.394 punti. Leggermente negativo il FTSE Italia Mid Cap (-0,23%); consolida i livelli della vigilia il FTSE Italia Star (-0,17%).

A Piazza Affari il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,73 miliardi di euro, in calo del 9,70%, rispetto ai 3,02 miliardi della vigilia; per quanto concerne i volumi, questi si sono attestati a 0,97 miliardi di azioni, rispetto ai 1,12 miliardi precedenti.

A fronte dei 221 titoli trattati sulla piazza milanese, 134 azioni hanno chiuso in calo, mentre 76 azioni hanno portato a casa un incremento. Poco mosse le altre 11 azioni del listino italiano.

Tra i best performers di Milano, in evidenza Poste Italiane, che porta a casa un guadagno del 4,09% grazie all'accordo con CDP e ad una serie di giudizi positivi degli analisti.

Molto bene Moncler (+1,48%), che non risente né del calo dei retailer europei, né del crollo di Ferragamo.

Giornata positiva per le utilities, capeggiate da A2A (+1,35%), e Mediaset (+1,23%), quest'ultima nel giorno del via libera dell'Assemblea alle modifiche dello statuto.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Ferragamo, che ha terminato le contrattazioni a -6,29% dopo aver lanciato un profit warning.

In apnea Banco BPM, che arretra del 2,33%.

Tonfo di Exor, che mostra una caduta del 2,04%.

Sotto pressione Mediobanca, che accusa un calo dell'1,99%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Maire Tecnimont (+4,53%), IREN (+2,92%), RCS (+2,49%) e Hera (+2,12%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Astaldi, che ha archiviato la seduta a -4,54%.

Lettera su Rai Way, che registra un importante calo del 4,18%.

Affonda Inwit, con un ribasso del 4,02%.

Crolla Banca Popolare di Sondrio, con una flessione del 3,85%.




Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.