Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Giugno 2019, ore 04.58
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Banche, EBA: stress test su 48 Istituti europei. Risultati il 2 novembre

L'European Banking Authority ha formalmente lanciato i nuovi "esami" e pubblicato gli scenari macroeconomici di riferimento

Economia ·
(Teleborsa) - Gli stress test 2018 entrano nel vivo. L'European Banking Authority ha lanciato oggi, 31 gennaio, i nuovi "esami" su un campione di banche europee i cui risultati saranno pubblicati il prossimo 2 novembre.

Gli Istituti oggetto degli stress test saranno 48, di cui 33 appartenenti a Paesi sotto la giurisdizione del Single supervisory mechanism (SSM), la vigilanza della Banca Centrale Europea. Tali banche, spiega l'EBA, coprono circa il 70% del totale delle attività del settore bancario dell'Area euro, degli Stati membri dell'Unione Europea e della Norvegia.

Sempre oggi l'Authority ha pubblicato gli scenari macroeconomici di riferimento per lo svolgimento dei test.

Quello di base è in linea con le previsioni rilasciate a dicembre dalla Banca Centrale Europea mentre lo scenario avverso presuppone il concretizzarsi di quattro rischi sistemici, considerati attualmente come le minacce più rilevanti per la stabilità del settore bancario dell'UE.

Tali rischi sono:

- Ripresa improvvisa e considerevole dei premi di rischio sui mercati finanziari globali, cosa che determinerebbe un inasprimento delle condizioni finanziarie anche in Europa;

- Indebolimento della redditività bancaria dovuto al declino dell'attività economica nell'Unione europea. Tale feedback negativo riguarderebbe soprattutto le banche dei Paesi che affrontano sfide strutturali nel loro settore bancario;

- Preoccupazioni sulla sostenibilità del debito pubblico e privato tra potenziali riprezzamenti dei premi di rischio e maggiore incertezza politica;

- Rischi di liquidità nel settore finanziario non bancario con potenziali ricadute sul più ampio sistema finanziario.

Nello scenario avverso viene ipotizzato per l'UE un PIL in calo dell'1,2% e del 2,2% rispettivamente nel 2018 e in crescita dello 0,7% nel 2020.

Le banche italiane oggetto degli stress test sono Banco BPM, Intesa Sanpaolo, UniCredit e UBI Banca.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.