Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 14 Novembre 2018, ore 16.05
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Aeroporto di Crotone a secco di carburante

Lo scalo Ionico dovrebbe affidarsi alla società Skytaking per garantire i rifornimenti

Trasporti ·
(Teleborsa) - Nonostante la recente riprese dei voli, all'aeroporto di Crotone manca ancora la garanzia di un servizio essenziale come il rifornimento di carburante avio. Nella giornata di domenica 10 giugno, l'aeromobile Ryanair pronto a partire alla volta di Bergamo è stato costretto, proprio a causa della mancanza di carburante in quel di Crotone, a virare verso l'altro scalo calabrese di Lamezia Terme per effettuare il rifornimento.

Il caso non sorprende gli addetti ai lavori, perché il problema era noto alla società di gestione SACAL. Qualche giorno fa, lo stesso presidente di SACAL, Arturo De Felice, aveva dato ampie rassicurazioni sulla copertura del servizio, precisando però che in via provvisoria si sarebbe fatto fronte chiedendo alla compagnia aerea di effettuare il rifornimento di carburante all'aeroporto di provenienza o, in alternativa, ricorrendo allo scalo di Lamezia, come è effettivamente avvenuto. SACAL dovrebbe affidarsi alla società Skytaking per garantire lo stoccaggio e l’erogazione di carburante avio agli aeromobili in servizio sullo scalo di Crotone.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.