Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 16 Novembre 2018, ore 23.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Sondaggio SWG, gli italiani si fidano di Lega e Cinque Stelle

L’opinione pubblica, per il momento, premia le due forze politiche al governo

Politica ·
(Teleborsa) - Dopo 90 giorni di stallo, l'Italia ha visto nascere lo scorso primo giugno il governo Conte. Insolito nella sua composizione "giallo-verde", con il Movimento 5 stelle alla sua prima legislatura e la Lega fuori dalla coalizione di centrodestra, gli occhi di tutto il mondo sono proiettati sul nuovo esecutivo e sul "contratto di governo" che ha portato all'accordo. Saranno mantenute le promesse o prevarranno inesperienza e complessità delle sfide?

Tramite un'analisi di mercato effettuata dalla società SWG, è emerso che il nuovo governo incontra il favore dell'opinione pubblica. Lasciate da parte le questioni politiche, il 45% degli elettori italiani che hanno partecipato al sondaggio ritiene che Conte e i suoi saranno in grado operare in modo "più che efficace".

Scende lievemente l'ottimismo nel momento in cui si parla delle promesse contenute nel contratto. Il 42% dei campionati ritiene che saranno realizzate solo "una parte delle cose previste". Per il 23% invece questo governo farà "ben poco o niente" e non stupisce il fatto che più della metà dei rispondenti siano elettori del Partito Democratico.

Tra i punti caldi per l'esecutivo Conte, già nelle prime settimane è emerso con forza l'immigrazione. E ben il 44% degli italiani ritiene che le promesse fatte in campagna elettorale sul tema saranno rispettate, anche visto il ruolo chiave di Ministro dell'Interno assegnato a Matteo Salvini. Regna la cautela invece per ciò che riguarda il programma di riduzione del debito pubblico, con il 35% degli intervistati che ritiene che il nuovo esecutivo avrà difficoltà nell'affrontare la questione.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.