Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 23 Giugno 2018, ore 12.18
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Borse asiatiche in rosso dopo stretta Fed

A Tokyo l'indice Nikkei perde lo 0,99%. Variazioni negative per tutti i principali indici

Finanza ·
(Teleborsa) - Domina il segno meno per tutti i principali listini asiatici. Pesa sui mercati orientali la decisione della Fed di alzare il costo del denaro, grazie al continuo miglioramento dell'economia americana, cui seguiranno due ulteriori rialzi (uno in più del previsto) nel solo 2018. Il presidente USA Trump ha annunciato invece, di ritorno dal vertice di Singapore, una imminente stretta sui dazi con i prodotti cinesi.

Sul fronte macroeconomico, rivista al rialzo la produzione industriale del Giappone, mentre segnali di rallentamento giungono dall'economia cinese.

A Tokyo forte ribasso per l'indice Nikkei che ha riportato un decremento dello 0,99% a 22,777 punti, mentre il paniere Topix è sceso dell'1,4%.

Variazioni negative anche per le borse cinesi con Shanghai che va giù dello 0,45%, mentre fa peggio Shenzhen che mostra un calo dello 0,79%. Male anche Hong Kong (-0,67%).

Perdite oltre il punto percentuale per Seoul (-1,88%), Taiwan (-1,43%) e Jakarta (-1,85%).

Tra le altre piazze asiatiche ribassi più contenuti per Kuala Lumpur (-0,10%) e Sidney (-0,06%). Chiudono in rosso anche Singapore (-0,99%), Bangkok (-1,02%) e Mumbai (-0,58%).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.