Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 20 Ottobre 2018, ore 09.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Banca Carige: Malacalza chiede assemblea per revocare il CdA

La richiesta arriva dopo che la BCE ha sbarrato la strada al piano di conservazione del capitale presentato dalla banca

Finanza ·
(Teleborsa) - Malacalza Investimenti, titolare di una partecipazione pari al 20,639% del capitale sociale di Banca Carige ha richiesto la convocazione dell'assemblea degli azionisti per discutere e deliberare la revoca di tutti i componenti dell'attuale Consiglio di Amministrazione, la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione, previa determinazione del numero dei Membri del Consiglio medesimo.

La richiesta arriva dopo che la BCE ha sbarrato la strada al piano di conservazione del capitale presentato dalla banca il 22 giugno scorso, chiedendo all'istituto di credito di presentare un nuovo piano approvato dal CdA entro fine novembre.

Malacalza spiega che "la definizione e l'attuazione di ulteriori interventi richiesti dalla BCE non può essere guidata da chi, avendo gestito la fase precedente e avendo conseguito un giudizio della BCE di non pieno soddisfacimento dei requisiti patrimoniali fin dal primo gennaio 2018 ha predisposto il nuovo piano di conservazione del capitale che ora la BCE mostra di non condividere".

Carige sta affrontando un periodo molto delicato per la sua gestione. La scorsa settimana Vittorio Malacalza, azionista di riferimento della banca, aveva rassegnato le dimissioni da amministratore della banca genovese per "motivi di dissenso e divergenze con l’organo di governo della Società sulla gestione aziendale e sulla visione di governance"

Ancora prima di Malacalza a dimettersi era stato il Presidente Giuseppe Tesauro, l’ex consigliere Stefano Lunardi e la consigliera Francesca Balzani. Tutte dimissioni arrivate per "motivi di dissenso e di divergenze con l’organo di governo della Società per quanto riguarda la gestione aziendale e la visione di governance".


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.