Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 15 Agosto 2018, ore 18.43
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Eurolandia in calo. Piazza Affari fanalino di coda

Focus ancora sulle trimestrali

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Partenza all'insegna della debolezza per le principali borse europee dopo la chiusura prudente dei mercati americani e asiatici. In generale, sul sentiment degli investitori continua a pesare la guerra commerciale in corso tra Stati Uniti e Cina. In particolare, in Italia gli addetti ai lavori, con un occhio alla legge di bilancio, continuano a monitorare le trimestrali delle società quotate.

Sul mercato Forex, l'Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,159. Sul fronte macro, nessun dato è atteso in mattinata, se non la pubblicazione del bollettino economico della BCE.

L'Oro è sostanzialmente stabile su 1.213,4 dollari l'oncia. Sessione debole per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia con un calo dello 0,27%.

In lieve rialzo lo spread, che si posiziona a 253 punti base, con un timido incremento di 5 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,91%.

Tra le principali Borse europee si muove sotto la parità Francoforte, evidenziando un decremento dello 0,22%. Frazionale la discesa per Londra, che soffre un calo dello 0,54%. Sottotono Parigi -0,53%. Scambi in ribasso per la Borsa di Milano, che accusa una flessione dello 0,95% sul FTSE MIB.

In luce sul listino milanese i comparti chimico (+0,62%) e materie prime (+0,53%). Tra i più negativi della lista di Milano, troviamo i comparti bancario (-1,09%), beni industriali (-0,82%) e utility (-0,81%).

In questa pessima giornata per la Borsa di Milano, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva. I più forti ribassi si verificano sulle banche, come Mediobanca, che continua la seduta con -1,87%. Sotto pressione anche BPER: calo dell'1,79%. In rosso Unicredit, che evidenzia un deciso ribasso dell'1,61%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Gima Tt (+1,38%), Geox (+1,29%), Italmobiliare (+1%) e Credito Valtellinese (+0,88%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Sias, che prosegue le contrattazioni a -1,67%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.