Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 16 Agosto 2018, ore 08.18
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ferrovia Regione Toscana, No a cessione RFI linee da Arezzo per Casentino e Val di Chiana

Risposta dell'Assessore regionale Vincenzo Ceccarelli al collega consiglire Marco Casucci

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Le ferrovie Arezzo-Pratovecchio-Stia e Arezzo-Sinalunga, uniche tratte ferroviarie di proprietà della Regione Toscana e in gestione a LFI (La Ferroviaria Italiana), non saranno cedute a Rete Ferroviaria Italiana. Lo ha dichiarato l'assessore regionale ai Trasporti, Vincenzo Ceccarelli.

L'Assessore ha così replicato alle lamentele del collega consiglere Marco Casucci (Lega)
, giustificando "allungamenti e rallentamenti" sulle due direttrici verso Casentino e Val di Chiana dovuti alle disposizioni sui convogli dall'Agenzia nazionale della sicurezza ferroviaria dopo il drammatico incidente in Puglia di due anni orsono e che riguardano le linee a binario unico.

Possibilità di cessione a RFI così esclusa dalla Regione, quella sollecitata dal consigliere leghista, che giustificava la proposta a causa di un servizio che "viaggia a ritmo di lumaca". Necessario quindi "renderlo più appetibile" appunto col cambiamento di gestione.

Ma niente da fare per la proposta leghista. "La risposta la Regione l’ha già data qualche anno addietro - ha invece precisato Ceccarelli - mettendo a disposizione di RFT (Rete Ferroviaria Toscana, la società pubblica che gestisce la linea, fusa il 26 novembre 2015 per incorporazione in LFI SpA rilevandone tutte le attività) le risorse necessarie per interventi tecnologici che sono già stati messi a gara e che consentiranno, una volta realizzati, di avere un livello di sicurezza pari a quello delle ferrovie ad Alta Velocità".


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.