Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 23 Settembre 2018, ore 02.34
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Decreto Rinnovabili Elettriche: il 25 settembre MISE incontra Associazioni di categoria

Il provvedimento introduce numerose novità. Dalla potenza incentivata, a un premio aggiuntivo riservato ai soli impianti fotovoltaici realizzati in sostituzione di coperture in eternit o amianto

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - A partire dalle ore 15.00 di martedì 25 settembre 2018, il Salone degli Arazzi del Ministero dello Sviluppo Economico ospiterà l'incontro fra MISE, MATTM e Associazioni di categoria sullo schema di Decreto ministeriale di incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

L'appuntamento si inserisce all'interno di un percorso che ha come obiettivo principale la costruzione di uno strumento normativo agile e condiviso, il primo di una lunga serie, che contribuirà ad attuare gli obiettivi nazionali ed europei in vista del 2030, promuovendo e incentivando la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

Il decreto introduce numerose novità. Innanzitutto è prevista una potenza incentivata e un premio aggiuntivo riservati ai soli impianti fotovoltaici realizzati in sostituzione di coperture in eternit o amianto. Inoltre, è stata introdotta la possibilità che gruppi di impianti con diverse tecnologie, rientranti nello stesso gruppo di incentivazione, possano partecipare alle procedure di registro ed asta come se fossero un unico impianto. Un'ulteriore novità riguarda il potenziamento dell’utilizzo di contratti a lungo termine (PPA) per il finanziamento degli impianti e l’inserimento di un criterio di priorità per tutti gli impianti inferiori a 1 MW, connessi in parallelo con la rete elettrica e con colonnine di ricarica di auto elettriche.










Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.