Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 23 Ottobre 2018, ore 05.32
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

DEF, via libera di Camera e Senato

M5S: "In primavera quota 100 su pensioni e reddito di cittadinanza"

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Via libera di Camera e Senato alla risoluzione della maggioranza M5S-Lega alla Nota di aggiornamento al DEF che impegna, tra l'altro, il governo a introdurre la quota 100 per anticipare l'uscita pensionistica, ad avviare il reddito di cittadinanza e la flat tax.

In Senato i voti a favore sono stati 161 e i contrari 109. L'Aula della Camera ha approvato invece la risoluzione di maggioranza alla Nota di aggiornamento 331 voti favorevoli e 191 voti contrari.

"Credo che in primavera possano partire sia la riforma della Fornero che il reddito di cittadinanza, perché pensiamo ci vorranno 3 mesi per la questione dei centri per l'impiego, forse un mese in più" - ha detto il capogruppo pentastellato Stefano Patuanelli.

"L'intenzione del governo - ha detto ancora Patuanelli - è portare in consiglio dei ministri già lunedì decreto fiscale e manovra. Se riusciamo a chiudere tutto è un segnale anche per l'Europa perché il 15 ottobre dobbiamo consegnare la bozza", il Documento programmatico di bilancio atteso da Bruxelles.

L'Aula del Senato con 165 voti favorevoli, 107 contrari e 5 astenuti, ha approvato la risoluzione di maggioranza che autorizza il Governo allo scostamento del deficit programmato. Dopo il via libera del Senato, è arrivato il sì dell'Aula della Camera con 333 voti favorevoli, 188 contrari e 9 astenuti. Secondo quanto indicato dalla Nota di aggiornamento al DEF, conosciuta come NADEF, il deficit salirà al 2,4% nel 2019, per poi scendere al 2,1% nel 2020 e all'1,8% nel 2021.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.