Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 18 Ottobre 2018, ore 20.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mattarella: "Il potere inebria, servono contrappesi della Costituzione"

Il presidente della Repubblica riceve al Quirinale gli studenti delle scuole secondarie

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - "La nostra Costituzione consente di superare difficoltà e di garantire l'unità della società anche perché ha creato un sistema in cui nessuno, da solo, può avere troppo potere. C'è un sistema che si articola nella divisione dei poteri, nella previsione di autorità indipendenti, autorità che non sono dipendenti dagli organi politici, ma che dovendo governare aspetti tecnici, li governano prescindendo dalle scelte politiche, a garanzia di tutti". Lo afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ricevendo gli studenti delle scuole secondarie al Quirinale.

Nella nostra Costituzione - aggiunge il Capo dello Stato - "c'è un sistema complesso di pesi e contrappesi. Perché? Perché la storia insegna che l'esercizio del potere può provocare il rischio di fare inebriare, di perderne il senso del servizio e di fare invece acquisire il senso del dominio nell'esercizio del potere". Ci sono, rispetto a questo pericolo, "due antidoti" - continua l'inquilino del Quirinale - spiegando che "il primo è personale" ovvero una capacità di autodisciplina, di senso del limite, del proprio limite come persona e come ruolo che si esercita, un "senso di autocontrollo" di "autoironia che è sempre molto utile a tutti". C'è poi un "altro antidoto" che è quello di meccanismi di equilibri che "distribuiscono le funzioni e i compiti del potere tra più soggetti, in maniera che nessuno, da solo, ne abbia troppo".

"La nostra Costituzione - sottolinea Mattarella - conta molto sul primo aspetto, quello dell'autodisciplina e dell'autocontrollo, ma ha messo in campo una serie di meccanismi di articolazione del potere che garantiscono quell'obiettivo. Questo consente anche al Capo dello Stato, al Presidente della Repubblica, di svolgere la funzione di garante del buon funzionamento del sistema in maniera adeguata, ma il merito è della Costituzione".

(Foto: Per gentile concessione della Presidenza della Repubblica)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.