Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 23 Ottobre 2018, ore 18.33
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Consumi fermi: Confcommercio stima rallentamento PIL a ottobre

Il prodotto interno lordo dovrebbe registrare una variazione nulla su base mensile e una crescita dello 0,7% su base tendenziale

Economia ·
(Teleborsa) - Confcommercio poco ottimista sulla crescita dell'Italia. Per ottobre 2018 l'Ufficio Studi della Confederazione stima una variazione nulla del PIL a livello mensile e una crescita tendenziale dello 0,7%, in rallentamento rispetto allo 0,8 di settembre. Per il terzo trimestre 2018, invece, le attese sono per un aumento dello 0,1% in termini congiunturali, mentre il tasso di crescita tendenziale si attesterebbe allo 0,9%.

Non aiuta la scarsa propensione alla spesa da parte degli italiani: a settembre l'indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) è diminuito dello 0,3% in termini congiunturali e cresciuto della stessa percentuale rispetto allo stesso mese del 2017. "La domanda delle famiglie continua a non imboccare un sentiero di crescita consolidato. In termini di media mobile l'evoluzione degli ultimi mesi segnala una stabilizzazione della domanda", rileva l'Ufficio Studi.

La diminuzione dello 0,3% registrata in termini congiunturali dall'ICC, che segue l'aumento dello 0,7% di agosto, è sintesi di una variazione dello 0,5% della domanda relativa ai servizi e di una flessione dello 0,6% di quella per i beni.

L'aumento tendenziale dello 0,3% è invece sintesi di un'evoluzione positiva della domanda relativa ai servizi (+2%) e di una flessione dello 0,4% della spesa per i beni.

Dal fronte prezzi, per ottobre 2018 Confindustria stima, rispetto a settembre, un aumento dello 0,3%. Nel confronto con lo stesso mese del 2017 la variazione dei prezzi dovrebbe collocarsi al +2%, in aumento rispetto al dato di settembre (+1,5%). Sull'andamento del mese pesano le dinamiche degli energetici, regolamentati e non, i cui prezzi risentono in misura significativa delle tensioni sul petrolio.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.