Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 18 Ottobre 2018, ore 13.03
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Italia, un Paese spaccato a metà

Lo rivela un'analisi della CGIA di Mestre che vede il Nord al passo con la Germania e il Sud in condizioni peggiori della Grecia

Economia ·
(Teleborsa) - L'Italia è un Paese sempre più spaccato a metà: se, dopo la crisi, il Nord ha ripreso a correre e con qualche difficoltà tiene il passo della locomotiva d'Europa, vale a dire la Germania, il Sud, invece, arranca e presenta una situazione socio/occupazionale addirittura peggiore della Grecia, che da oltre un decennio è stabilmente il fanalino di coda dell'Eurozona. E' questo il risultato a cui e' giunto l'ufficio studi della CGIA di Mestre dopo aver comparato una serie di indicatori economici, occupazionali e sociali della Germania con il Nord Italia e della Grecia con il nostro Mezzogiorno.


"Il divario tra il Nord e il Sud del nostro Paese - commenta il segretario Renato Mason - ha radici lontane che risalgono addirittura all'unità d'Italia. Purtroppo, le politiche pubbliche di sviluppo messe in campo in questi ultimi 70 anni non hanno accorciato le distanze tra queste realtà. Anzi, per certi versi sono aumentate, poiché i livelli di crescita delle regioni settentrionali sono stati decisamente superiori a quelli registrati nel Meridione, che si conferma una delle aree economiche più disagiate dell'intera Eurozona".


"Il Sud - chiarisce il coordinatore dell'ufficio studi Paolo Zabeo - può contare su una presenza di oltre 1,3 milioni di lavoratori in nero che rende le statistiche ufficiali sul mercato del lavoro meno allarmanti di quanto appaiono. Detto ciò, nessuno giustifica questo fenomeno quando è controllato da organizzazioni criminali o da caporali. Tuttavia, se il sommerso è una conseguenza del mancato sviluppo economico di un territorio, al tempo stesso rappresenta un ammortizzatore che consente a migliaia e migliaia di famiglie di non scivolare nella povertà o nell'esclusione sociale".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.