Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 20 Ottobre 2018, ore 13.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Manovra, Draghi fiducioso "su una soluzione di compromesso"

Lo ha detto il numero uno della BCE, invitando tutti ad abbassare i toni. "Non bisogna drammatizzare su deviazioni da procedure stabilite"

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - "Sono fiducioso che tutte le parti trovino un compromesso". Lo ha dichiarato il Presidente della BCE Mario Draghi parlando della Manovra italiana, che rimane sotto i riflettori di Bruxelles. L'occasione per il banchiere per parlare della Legge di Bilancio italiana, è stata la conferenza stampa finale dell'istituto centrale nell'ambito dei meeting annuali di FMI e Banca mondiale a Bali, in Indonesia.

Ieri 12 ottobre, sulla Manovra tricolore è arrivato l'ennesimo giudizio severo del Presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker che ha lanciato un nuovo appello alle autorità italiane affinché "rispettino le regole per non mettere in pericolo la solidarietà europea".

Draghi, invita ad "abbassare i toni", spiegando: "sappiamo che ci sono procedure stabilite e accettate da tutti, ci sono state deviazioni: non è la prima volta e non sarà l'ultima".

"Il nostro mandato - ha continuato il numero uno della BCE - non è rovesciare un Governo o creare problemi con dei comportamenti inappropriati o delle dichiarazioni eccessive", ma la Manovra sta andando in direzione opposta rispetto a quanto suggerito dal Fondo Monetario Internazionale, ha detto il banchiere dopo un altro monito all'Esecutivo italiano, arrivato, ieri 12 ottobre dal Capo del dipartimento europeo dell'Istituzione con sede a Washington, Poul Thomsen.

Il richiamo di Draghi si rivolge a chi in questa trattativa tra Roma e Bruxelles si mette anche a contestare l'euro, perché questo ha "causato danni" e ulteriori impennate degli spread, che ora pesano sui costi dei prestiti a imprese e famiglie.





Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.