Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 18 Ottobre 2018, ore 08.42
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mobilità sostenibile, Parma prima città in Italia

E' quanto emerge dal dodicesimo Rapporto "Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città", elaborato da Euromobility che vede Catanzaro in fondo alla classifica

Ambiente, Economia, Energia, Sostenibilità, Trasporti ·
(Teleborsa) - Parma si conferma la città più "eco-mobile" d'Italia, sia per la consolidata presenza di un mobility manager di città e di servizi di sharing mobility, ma anche una buona dotazione di servizi di trasporto pubblico e per uno dei parchi circolanti più ricchi di veicoli a basso impatto. E' anche una delle prime città italiane ad aver approvato il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile. E' quanto emerge dal dodicesimo Rapporto "Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città", elaborato da Euromobility con il Patrocinio del ministero dell'Ambiente.

Sul podio delle città "eco-mobile" c'è anche Milano a cui va il secondo posto. A Venezia la medaglia di bronzo, mentre Cagliari, al settimo posto, è l'unica città del sud nella "top ten", dove spicca Brescia al quarto posto, seguita da Padova e Torino. Completano le prime dieci posizioni Bologna, Verona e Modena. Roma perde posizioni e si attesta soltanto al ventitreesimo posto. In fondo alla classifica della mobilità sostenibile Catanzaro, preceduta di poco da Potenza e Campobasso.

Secondo il rapporto, continua ad aumentare (+0,8%) il tasso di motorizzazione nelle principali 50 città italiane (si attesta a 59,3%) anche se aumenta il numero di veicoli a basso impatto, soprattutto GPL, che raggiungono complessivamente il 9,46% del parco nazionale circolante, e quelli ibridi ed elettrici che aumentano del 45%. I veicoli a metano sono solo il 2,49%.

Peggiora la qualità dell'aria, dopo il miglioramento registrato nel 2016 grazie a condizioni meteorologiche favorevoli: 20 città rispettano tutti i limiti di normativa, contro le 23 del 2016.

Per quanto riguarda la mobilità condivisa, rimangono al palo i servizi convenzionali, cioè quelli in cui l'utente preleva e riconsegna i veicoli in parcheggi ben definiti. In salita, invece, (con qualche eccezione) quelli "a flusso libero", in cui il prelievo e la riconsegna possono avvenire in qualsiasi punto all'interno dell'area prevista dal servizio.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.