Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 12 Novembre 2018, ore 20.41
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Decreto rinnovabili, MiSE invia schema a Ministero Ambiente

Per avere parere di concerto. Recepite molte osservazioni delle associazioni

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) ha inviato al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare lo schema definitivo del Decreto ministeriale di incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, per il previsto parere di concerto.

Dopo il confronto con le Associazioni, tenutosi il 25 settembre scorso, il MiSE ha recepito molte delle osservazioni presentate, sulla base delle quali ha apportato una serie di modifiche allo schema iniziale, in particolare: l'aumento del 10% della tariffa incentivante prevista per impianti mini idroelettrici e mini eolici; l'inserimento di un ulteriore procedura di asta e registro nel corso del 2021 così da aumentare l'arco temporale di vigenza del decreto e dare maggior certezza agli operatori; l'assegnazione del premio sul totale dell'energia prodotta dagli impianti fotovoltaici realizzati in sostituzione di coperture in amianto o eternit in luogo della sola energia immessa in rete; la priorità ad impianti realizzati su discariche chiuse e ripristinate nonché su aree per le quali risulta rilasciata la certificazione di avvenuta bonifica; l'inserimento di un criterio di salvaguardia tecnologica tale per cui, al verificarsi di condizioni particolarmente sfavorevoli per una fonte in competizione con altre all'interno dello stesso contingente, quest'ultima venga preservata con l'attivazione di un contingente dedicato; la possibilità, per impianti idroelettrici ed eolici, di usare componenti rigenerati seppur con una aumentata riduzione della tariffa incentivante; la richiesta di cauzioni a garanzia della concreta realizzazione dei progetti iscritti al registro, in misura comunque adeguatamente inferiore alle cauzioni previste per le aste.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.