Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 21 Novembre 2018, ore 07.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Anas al SAIE illustra best practice e nuove tecnologie per manutenzione infrastrutture

L'AD della società del Gruppo FS, Armani, ha annunciato che è stata ristrutturata e standardizzata tutta la filiera delle ispezioni e sono stati certificato i propri ispettori

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Anas (Gruppo FS italiane) è presente al Saie di Bologna, la Fiera dell’edilizia e dell’ambiente in programma da 17 al 20 ottobre, con uno stand interamente dedicato alle best practice e alle nuove tecnologie nella manutenzione delle infrastrutture.

Oltre all’esposizione dei sistemi di monitoraggio più all’avanguardia adottati per ispezionare e conservare al meglio l’enorme patrimonio esistente – oltre 13 mila ponti e viadotti e 1.800 gallerie - nello spazio convegnistico dello stand si terrà un vasto calendario di incontri con professionisti Anas ed esperti di aziende partner con cui Anas ha messo a punto alcune sperimentazioni che hanno dato vita a vere e proprie eccellenze per il settore.

Negli ultimi tre anni l'Ente nazionale per le strade ha posto al centro, per la prima volta, la manutenzione e il potenziamento della rete stradale. Questa svolta è concretamente ravvisabile nei numeri del Contratto di Programma 2016-2020 che prevede uno stanziamento di circa 350 milioni l’anno per interventi su ponti e viadotti e, in questo modo, la programmazione dei lavori ha potuto contare sull’assegnazione di risorse certa e di lungo periodo. In particolare, il Contratto di Programma destina quasi 11 miliardi (il 46% delle risorse complessive) alla manutenzione, adeguamento e messa in sicurezza della rete stradale.
È diventato pertanto possibile programmare su scala pluriennale interventi di manutenzione non solo per risolvere le criticità esistenti, connesse al rilevante gap nella manutenzione accumulato nel tempo, ma per prevenire la formazione di nuove.


"Tutte le opere d’arte (ponti, viadotti e cavalcavia) che Anas gestisce – ha spiegato l’Amministratore Delegato di Anas Gianni Vittorio Armani, intervenendo al convegno 'La manutenzione delle infrastrutture stradali' - sono oggetto di procedure standardizzate di controllo che prevedono ispezioni trimestrali da parte del personale di esercizio e un’ispezione tecnica più approfondita una volta all’anno. Sulla base di questo processo continuo di ispezioni e controlli viene programmato il piano di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Sono stati fatti – ha sottolineato Armani - enormi passi avanti negli ultimi tre anni sul piano della conoscenza approfondita delle opere. Anas ha completamente ristrutturato e standardizzato tutta la filiera delle ispezioni e ha certificato i suoi ispettori. La struttura di esercizio e sorveglianza di Anas, che può contare anche su oltre 110 ispettori certificati, ha eseguito dall’inizio del 2018 oltre 37.000 ispezioni sugli oltre 13.000 opere tra ponti, viadotti e cavalcavia".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.