Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 24 Gennaio 2020, ore 11.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Scuola, Pacifico: "Necessario aprire finestra per docenti e tornare a regole ante Fornero"

Il presidente del sindacato della scuola è intervenuto nel corso della trasmissione radiofonica Gr1 Rai Radio Economia

Economia, Scuola ·
(Teleborsa) - Il presidente Anief Marcello Pacifico è intervenuto nel corso della trasmissione radiofonica Gr1 Rai Radio Economia, rispondendo alle domande inerenti agli aumenti minimi accordati ai docenti e alla questione delle pensioni.

In particolare, il sindacalista ha commentato l'aumento di 14 euro dello stipendio per la scuola, definito "una vera e propria proposta indecente". Infatti, "la Legge di bilancio prevede un incremento di pochi euro su uno stipendio che certamente non è adeguato alle tabelle europee, per il rinnovo del contratto (che scade a dicembre) di 200 mila insegnanti". Sulla questione, Anief ha presentato nei giorni scorsi specifici emendamenti alla legge di bilancio per implementare gli aumenti, di modo tale da ancorare gli stipendi base all'inflazione, cresciuta nell'ultimo decennio di 4,5 punti rispetto agli aumenti preventivati a fronte di retribuzioni pressoché immobili.

Per quanto riguarda le pensioni, Pacifico ha sottolineato come "la docenza sia una professione a rischio burnout, poiché lo stress da cattedra è alla base di un numero crescente di patologie tra i docenti". "La categoria degli insegnanti italiani è la più vecchia del mondo, con un gap tra docenti e discenti mai visto - conclude il presidente Anief - e crediamo fortemente che si debba dare ai docenti la possibilità di andare in quiescenza con le vecchie regole ante Fornero. Non è possibile lavorare fino a 67 anni con la stessa voglia e ricordiamo che in Europa, in media, si va in pensione a 63 anni".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.