Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 22 Maggio 2019, ore 19.16
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Manovra, finito primo round Conte-Juncker: "Buoni progressi". Ma la partita è ancora lunga

Lo dice una Portavoce della Commissione precisando che il lavoro proseguirà nei prossimi giorni

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Finito il primo round, ma la partita è ancora lunga. La strada che porta alla pace definitiva con Bruxelles evitando la procedura d'infrazione al nostro paese, infatti, è ancora lunga e in salita ma si registrano positivi passi avanti. Stando alle prime dichiarazioni, si è concluso in un buon clima, l'incontro tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker. "Buoni progressi", la Commissione ora "valuterà la proposta ricevuta questo pomeriggio" dall'Italia, fa sapere una portavoce della Commissione precisando che il lavoro proseguirà nei prossimi giorni.

"L'incontro di oggi fa parte del dialogo continuo sul bilancio 2019 - ha indicato la portavoce comunitaria - il presidente Juncker ha ascoltato attentamente il premier Conte e gli argomenti presentati. Il lavoro continuerà nei prossimi giorni".

Si fa strada intanto l'ipotesi che il premier italiano abbia portato sul tavolo del confronto con Bruxelles un abbassamento del deficit al 2%. Ma potrebbe non bastare visto che l'Europa vorrebbe scendessimo all'1,8%, una richiesta irricevibile e "impossibile" da accettare per il governo gialloverde.

I saldi dunque sono stati messi nero su bianco ma tutti sono consapevoli che "sarà durissima evitare la procedura d’infrazione dell’Europa nei confronti dell’Italia", come filtra da fonti di palazzo Chigi. Preoccupazione anche da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che questa mattina ha sollecitato il premier Conte ad evitare la procedura di infrazione perché questa rappresenterebbe un "problema pesante per la nostra economia".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.