Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 26 Giugno 2019, ore 16.22
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ponte Genova: ricostruzione affidata alla cordata Fincantieri-Salini-Impregilo-Italferr

L'annuncio ufficiale oggi alle 17. Il costo dell'opera è stimato in oltre 200 milioni di euro

Economia, Finanza, Trasporti ·
(Teleborsa) - L’annuncio ufficiale si avrà oggi alle 17, quando nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, sede del Comune di Genova, il sindaco-commissario Marco Bucci rivelerà il nome della cordata di imprese alle quali sarà affidato l’appalto per la ricostruzione del viadotto Polcevera, che sostituirà il ponte Morandi crollato lo scorso 14 agosto. Tuttavia la conferma delle indiscrezioni che danno per conclusa l’assegnazione alla cordata Fincantieri-Salini-Impregilo-Italferr, che avrebbe battuto Cimolai e i progetti di Calatrava, è già arrivata.

Composta paritariamenete da Salini Impregilo e Fincantieri, la società di scopo aggiudicataria della ricostruzione si chiamerà Per Genova. A Italferr spetterà, invece, la progettazione sulla base di quanto previsto da Renzo Piano che, tuttavia, non dovrebbe essere coinvolto direttamente nei lavori. Una cordata che sembra confermare gli auspici del Governo che aveva sempre spinto per un’ "impronta dello Stato nella ricostruzione".

"Sul ponte Morandi decide il commissario Bucci, che oggi pomeriggio scioglierà la riserva con un decreto e sono convinto che ci saranno eccellenze in ambito sia pubblico che privato, società, cioè, che si fanno belle nel mondo per le proprie competenze ingegneristiche", ha affermato il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli.

Da ieri, intanto, è iniziata la fase della demolizione che vede impegnate cinque ditte – Fagioli, Omini, Vernazza, Ipeprogetti e Ireos – con una commessa del valore di 19 milioni. I costi per la costruzione del ponte di Genova, sono invece stimati sui 220-230 milioni di euro. "La fase di ricostruzione – ha assicurato Toninelli - partirà a fine marzo, il ponte sarà in piedi a fine 2019 e a inizio 2020 sarà inaugurato".

Bocciate, dunque, le proposte di Cimolai in partnership con l’architetto Santiago Calatrava, frutto dell’intento del sindaco di Genova di far collaborare due archistar del calibro di Piano e Caltrava. L’azienda friulana, di Pordenone, aveva, infatti, presentato quattro progetti, tre dei quali firmati dall’architetto spagnolo.

"La nostra società – fanno sapere da Cimolai – è stata informata ieri dal Commissario Straordinario che i lavori per la ricostruzione del ponte sul Polcevera a Genova verranno affidati alla cordata Salini Impregilo Fincantieri". E sulla possibilità di eventuali ricorsi la società rassicura. "Per puro spirito di servizio al Paese e per non ostacolare la ricostruzione tale da aprire al traffico l’infrastruttura entro natale 2019, non ha intenzione di presentare ricorso contro l’assegnazione dei lavori per la ricostruzione del ponte di Genova".














Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.