Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 18 Luglio 2019, ore 18.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Scuola, bene rinnovo contratto ma occorre recuperare gap inflazione

Il Governo promette 40 euro lordi in busta al pubblico impiego e altri aumenti l'anno venturo ma è ancora poco per recuperare anni di blocco contrattuale

Economia, Welfare ·
(Teleborsa) - Rinnovo del contratto degli statali: 40 euro lordi in busta subito. Questa la le promessa fatta dal governo ai dipendenti pubblici: nella legge di bilancio sono stati stanziati 1,7 miliardi di euro per il rinnovo dei contratti di tutti gli impiegati pubblici, inclusi gli 850 mila dipendenti di ruolo della scuola al lordo dell'indennità di vacanza contrattuale. Una cifra che corrisponde a 40 euro lordi in busta.

Sulla questione è intervenuto il Ministro per la Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, nel corso di un’intervista al Messaggero, affermando che ulteriori risorse potranno arrivare soltanto con la prossima finanziaria.

Una proposta accolta con cauto ottimismo dal sindacato della Scuola Anief, che riconosce al governo lo "sforzo" nel normalizzare le relazioni sindacali, ma sollecita l'impegno a riconoscere per il futuro il recupero dell'inflazione, negato durante gli anni del blocco contrattuale. Occorrerà poi rivedere la trattenuta del TFR e le finestre per il pensionamento.

Anief, infatti, se ritiene questo investimento (1,2%) quasi allineato alla stima previsionale dell'aumento del costo della vita (1,4%) per il solo 2019, e pur confidando che nella prossima legge di bilancio ci possano essere ulteriori risorse per garantire la stessa copertura per gli anni successivi, tuttavia, rimarca come al tavolo per il rinnovo dei contratti bisognerà sottoscrivere il comune intento di recuperare il gap perso rispetto all'aumento dell'IPCA registrato nell'ultimo decennio. L'aumento complessivo di 5 punti di stipendio col vecchio contratto rimane, infatti, ben lontano dai 14 punti di aumento dell'inflazione registrata tra il 2008 e il 2018.

E le distanze con l'Europa restano incolmabili - si sottolinea - dal momento che in UE si investe un punto percentuale di PIL in più nel settore Istruzione e gli stipendi degli insegnanti a parità di ore sono quasi di un terzo superiori.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.