Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 21 Gennaio 2019, ore 08.44
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Citigroup, vira in attivo nell'ultimo trimestre 2018. Disattese le previsioni sui ricavi

In rosso il titolo a Wall Street per la delusione delle aspettative degli analisti in merito alle attività di consumer banking e clienti istituzionali

Finanza ·
(Teleborsa) - Gira in attivo Citigroup, il primo degli istituti bancari statunitensi a pubblicare i conti del quarto trimestre e dell’intero 2018, deludendo, però, le attese sul fronte dei ricavi. Questi, penalizzati dalla frenata della attività di trading obbligazionario, hanno segnato -2% nel periodo compreso tra ottobre e dicembre 2018, con un +1% nell'arco dell'intero anno.

Come si apprende in una nota della banca d’oltreoceano, l'ultimo trimestre del 2018 è stato chiuso con un utile netto di 4,313 miliardi di dollari, 1,64 dollari per azione, a fronte del passivo di 18,893 miliardi, - 7,38 dollari per azione, registrato l’anno precedente nello stesso intervallo di tempo. Le previsioni avevano preso in considerazione un utile da 1,55 dollari ad azione, inserito all'interno di un giro d’affari di 17,6 miliardi. Per il 2018, l'utile netto è stato di 18,045 miliardi di dollari, contro il passivo da 6,627 miliardi del 2017, con ricavi calcolati per 72,854 miliardi.

Per l'ultimo trimestre dell'anno appena concluso, escludendo le voci straordinarie, l'utile adjusted per azione è stato di 1,61 dollari, meglio delle stime calcolate di 1,55 dollari. L'indice dei ricavi dell'area consumer banking globale, invece, ha subito una leggera contrazione: da 8,45 a 8,44 miliardi, deludendo così le aspettative degli analisti, convinti di un rialzo fino a 8,64 miliardi. Inoltre, sul fronte dei clienti istituzionali, la società ha segnato una flessione dell'1% del giro d'affari, attestatosi a 8,21 miliardi, contro le stime che lo avevano dato in crescita fino ad 8,48 miliardi, anche in funzione del calo delle attività a reddito fisso. D’altro canto, l'equity ha segnato un aumento del 18%, e i ricavi complessivi dell'area banking sono cresciuti del 3%.

In rosso il titolo a Wall Street sulla delusione delle aspettative degli analisti in merito alle attività di consumer banking e clienti istituzionali.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.