Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 18 Febbraio 2019, ore 08.55
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Banche sotto pressione dopo BCE su NPL. S&P: strada in salita per M&A

Finanza ·
(Teleborsa) - Si muovono al ribasso i titoli bancari quotati a Piazza Affari con l'indice settoriale di riferimento FTSE IT Banks che perde circa 3 punti percentuali. A pesare sulle azioni degli istituti di credito è il diktat della BCE. L'Eurotower ha chiesto la svalutazione graduale, ma integrale, dei crediti deteriorati cosiddetti NPL.

Nel mirino della banca di Francoforte non c'è solo MPS (-6,06%), che ieri ha perso il 10% affossando l'intero settore.

Al nervosismo del comparto si aggiunge la valutazione di Standard and Poor's che vede la strada in salita per il consolidamento delle banche italiane. Quindi altro che fusioni. "Con operazioni di tipo industriale, in questo momento è davvero difficile e un po' complicato - ha spiegato Mirko Sanna, Director Financial Institutions di S&P - anche perché internamente siamo in una situazione di emergenza in cui, negli ultimi due anni, hanno prevalso acquisizioni per default, per liquidazione".

Tra i player del comparto, la maglia nera va a UBI che cede il 9,73% seguita da Banco BPM (-8,14%) e BPER (-6,14%). Più contenuta la discesa di Unicredit (-3,3%) e Intesa Sanpaolo (-2,7%).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.