Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 18 Marzo 2019, ore 15.06
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Wall Street ostaggio di trimestrali e commercio

Beige Book (Fed): segnali di debolezza dall'economia americana

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Prosegue con cautela la borsa di Wall Street mentre l'attenzione degli investitori resta concentrata sulla stagione delle trimestrali. Utili record per le 6 maggiori banche d'affari che hanno superato 100 miliardi di dollari, anche se hanno deluso i risultati di Morgan Stanley

Altro fronte che tiene col fiato sospeso gli addetti ai lavori, sono i negoziati tra USA e Cina sul commercio estero, ed i timori che la proposta di legge presentata da un gruppo di parlamentari americani, per vietare la vendita di chip e componenti a Huawei Technologies e ad un altro gruppo tlc cinese, potrebbe ulteriormente complicare i colloqui tra Washington e Pechino.

Intanto, il Beige Book della Federal Reserve, il rapporto sullo stato dell'economia americana, ha evidenziato che la crescita a stelle e strisce resta "solida" anche se emergono alcuni segnali di debolezza.

Non sembra incidere, invece, il contesto politico inglese. Il premier britannico Theresa May ce l'ha fatta: la Camera dei Comuni ha bocciato la mozione di sfiducia presentata contro il suo governo dal leader del Partito laburista Jeremy Corbyn. May ha confermato che il suo governo continuerà a lavorare per assicurare la realizzazione della Brexit.

Sul fronte macro, le nuove richieste di sussidi alla disoccupazione sono calate a sorpresa; l'attività manifatturiera nel distretto Fed di Philadelphia è salita oltre le aspettative.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones mostra un lieve incremento dello 0,04%, mentre lo S&P-500 fa un piccolo salto in avanti dello 0,31%, portandosi a 2.624,1 punti. Guadagni frazionali per il Nasdaq 100 (+0,22%), come l'S&P 100 (0,2%).

Nell'S&P 500, buona la performance dei comparti materiali (+0,93%), beni industriali (+0,78%) e sanitario (+0,68%).

Al top tra i giganti di Wall Street, Dowdupont (+1,44%), Nike (+1,36%), Merck & Co (+1,19%) e Boeing (+0,92%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Home Depot, che prosegue le contrattazioni a -1,72%. Sotto pressione anche Verizon Communication, con un forte ribasso dell'1,30%.

Tra i protagonisti del Nasdaq 100, Fastenal (+4,93%), Regeneron Pharmaceuticals (+2,99%), J.B. Hunt Transport Serv (+2,68%) e Intuitive Surgical (+2,55%). Giù Western Digital con -4,07%. Soffre Baidu, che evidenzia una perdita dell'1,94%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.