Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 18 Febbraio 2019, ore 16.59
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Lavoro, Istat: Ripresa del mondo del lavoro

Dal 2013 occupazione cresciuta del 4,6%, disoccupazione a 10,6% e tasso di inattività scende a 34,3%.

Economia ·
(Teleborsa) - In recupero l'occupazione negli ultimi cinque anni. E' quanto stabilisce il focus dell'Istat "Il mercato del lavoro in Italia nel quinquennio 2013-2018". I miglioramenti hanno riguardato anche la disoccupazione, che è diminuita del 5,8% in media annua attestandosi al 10,6%, 0,7 punti percentuali in meno rispetto al 2017. Il tasso di inattività è diminuito in misura contenuta raggiungendo il 34,3%, 0,2 punti percentuali in meno rispetto alla media dell'anno precedente.

In particolare nel 2018, dopo il primo semestre segnato da alcuni miglioramenti, è arrivata la successiva fase di stabilizzazione che ha comportato una crescita media del periodo allo 0,9%, con un incremento di oltre 200 mila occupati e 0,6 punti percentuali del tasso di occupazione (al 58,5% dal 57,9% dell'anno precedente). Se si prende come punto di riferimento l'occupazione registrata nel 2013, questa, ad oggi è cresciuta complessivamente del 4,6%, con un tasso di occupazione che ha guadagnato 3 punti, registrando i livelli più alti dal 2008.

Confrontando lo stesso periodo, il tasso di disoccupazione ha mostrato una riduzione dell'1,5%, riassestandosi a quelli registrati del 2012, nonostante si stia ancora lontani dai record raggiunti nel 2007 con il minimo storico del 6,1%. Anche l'inattività, che ha riguardato entrambe le componenti di genere, ha riscontrato dei miglioramenti diminuendo di 2,3 punti percentuali. Per le donne in particolare c'è stato un cambiamento favorevole nonostante il divario tra queste e i loro antagonisti maschili rimanga ancora esageratamente ampio, ovvero pari a 19 punti percentuali (24,8 uomini e 43,8% donne).


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.