Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 26 Giugno 2019, ore 19.10
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mercati europei in calo su timori rallentamento economia mondiale

Il listino milanese archivia la seduta poco sotto la parità, con il FTSE MIB che lima lo 0,65%

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Milano è debole in scia alle altre Borse di Eurolandia, sulle tensioni commerciali tra USA e Cina ma anche per i timori di una frenata dell'economia a livello globale.

Nessuna variazione significativa per l'Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,133. Lieve aumento per l'oro, che mostra un rialzo dello 0,29%. Sostanzialmente stabile il mercato petrolifero, che continua la sessione sui livelli della vigilia con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che scambia a 52,74 dollari per barile.

Lo Spread peggiora, toccando i +290 punti base, con un aumento di 8 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari al 2,98%.

Tra gli indici di Eurolandia seduta negativa per Francoforte, che mostra una perdita dell'1,05%, fiacca Londra, che mostra un piccolo decremento dello 0,32%, discesa modesta per Parigi, che cede un piccolo -0,48%.

Il listino milanese archivia la seduta poco sotto la parità, con il FTSE MIB che lima lo 0,65%.

Alla chiusura di Milano risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 3,03 miliardi di euro, con un incremento del 48,53%, rispetto ai precedenti 2,04 miliardi di euro; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,69 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,94 miliardi, mentre i contratti si sono attestati a 322.346, rispetto ai precedenti 221.963.

Su 220 titoli scambiati sulla borsa di Milano, 144 azioni hanno chiuso in territorio negativo, mentre 61 azioni hanno portato a casa un rialzo. Invariate le altre 15 azioni del listino milanese.

In luce sul listino milanese il comparto chimico, con un +0,69% sul precedente. Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori viaggi e intrattenimento (-2,78%), telecomunicazioni (-2,71%) e materie prime (-2,25%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza BPER (+8,83%), Amplifon (+1,01%), Unicredit (+1,01%) e Moncler (+0,66%).

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Unipol, che ha chiuso a -5,40%.

Crolla UBI Banca, con una flessione del 4,32%.

Vendite a piene mani su UnipolSai, che soffre un decremento del 3,24%.

Pessima performance per Telecom Italia, che registra un ribasso del 3,24%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Gima TT (+9,32%), Banca Farmafactoring (+2,59%), Piaggio (+1,74%) e Ivs Group (+1,64%).

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Mutuionline, che ha terminato le contrattazioni a -5,82%.

Sessione nera per Salini Impregilo, che lascia sul tappeto una perdita del 4,79%.

In caduta libera OVS, che affonda del 4,16%.

Pesante Banca Ifis, che segna una discesa di ben -4,15 punti percentuali.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.