Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 27 Giugno 2019, ore 12.37
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Gelo Italia-Francia, intervengono Conte e Mattarella

L'appello dal mondo industriale italiano e francese ad una collaborazione "leale e proficua"

Economia ·
(Teleborsa) - In queste ore di tensione politico-diplomatica crescente, tra Italia e Francia, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte invita a "smorzare i toni" ed a "non alimentare altre polemiche", ricordando che "tra Italia e Francia c'è un'antica e solida amicizia".

Un appello a mantenere le temperature dei governi sopra lo zero, arriva anche dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che sottolinea la necessità di arrivare ad una rappacificazione in tempi veloci. Una missione affidata al titolare della Farnesina Enzo Moavero Milanesi con la supervisione dello stesso Conte. "Va ristabilito immediatamente un clima di fiducia con i Paesi amici e alleati. Questo passa attraverso la considerazione dei reciproci interessi nazionali e il pieno rispetto delle dinamiche istituzionali di ciascun Paese" - spiega il Capo del Quirinale - che esprime "grande preoccupazione per la situazione. I consolidati e preziosi rapporti di amicizia e collaborazione con la Francia vanno difesi e preservati".

Un richiamo al dialogo costruttivo e al confronto nella consapevolezza che la sfida non è tra Paesi europei, ma tra l'Europa e il mondo esterno, arriva da Confindustria e da Medef (Movimento delle Imprese di Francia). I rispettivi Presidenti, Vincenzo Boccia e Geoffroy Roux de Bezieux inviano una lettera al Capo della Repubblica francese e al premier italiano in cui spiegano che "l'economia vuole unire ciò che la politica sta dividendo". Italia e Francia sono Paesi "amici" e "non desideriamo che una crisi provocata a tavolino possa dividerci". L'auspicio del mondo industriale è che si lavori affinché l'Europa diventi un "gigante politico" e sigillano l'appuntamento di fine mese a Parigi "nel solco di una collaborazione leale e proficua".

(Foto: Per gentile concessione della Presidenza della Repubblica)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.