Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 26 Giugno 2019, ore 18.38
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Prezzo del latte troppo basso: monta la protesta dei pastori sardi

Da qualche giorno gli allevatori, invece che consegnare il latte ovino, mettono in rete video dei litri di prodotto gettati via

Economia ·
(Teleborsa) - Cresce il malcontento dei pastori per il crollo del prezzo del latte ovino in Sardegna, sceso a livelli tali - 55 centesimi al litro
se è di pecora, 44 se è di capra - da non consentire di coprire i costi di produzione. Per protesta molti allevatori negli ultimi giorni stanno buttando via il proprio latte. Per questo, un fiume bianco scorre sull'asfalto diventando il simbolo della protesta dei pastori.
Da qualche giorno gli allevatori, invece che consegnare il latte ovino, buttano via quel che mungono e mettono in rete i video dei litri di prodotto gettati via. Una protesta che divide con una parte dei pastori che si dice contraria.

Coldiretti: "È un problema che riguarda tutti" - "Il prezzo del latte pagato a 60 centesimi ai pastori è insostenibile e in questo modo si costringono le aziende a chiudere perché a questi prezzi non riescono a coprire minimamente i costi di produzione e vista la crisi non sono in grado neppure di sostenere le pecore".

"La crisi è di tutti e non solo dei pastori - dichiara il presidente regionale dell'organizzazione Battista Cualbu - e per questo bisogna affrontarla tutti insieme e non scaricarla sull'anello più debole".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.