Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 27 Giugno 2019, ore 05.04
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Corte dei Conti: "Cdp centrale nel sostegno all'economia italiana"

Pubblicata oggi la Relazione di Controllo sulla gestione finanziaria della società che chiude il 2017 con 2,2 miliardi di utile netto

Economia ·
(Teleborsa) - "I risultati del 2017 ribadiscono il ruolo centrale e di promozione svolto dal Gruppo Cdp a sostegno dell'economia italiana, ad ulteriore conferma della trasformazione della società in un vero e proprio strumento di politica industriale". Sono queste le conclusioni della Relazione di Controllo sulla gestione finanziaria di Cassa Depositi Prestiti, pubblicata oggi dalla Corte dei Conti.

Una "attività di promozione e supporto all'economia" realizzata – sottolinea la Corte dei Conti – rafforzando, al contempo, la redditività e la solidità patrimoniale. Cdp ha chiuso il 2017 con un utile netto di 2,2 miliardi di euro, ottenuti in assenza di componenti non ricorrenti e pari a oltre due volte l'utile del 2015. L'utile netto consolidato di pertinenza della capogruppo è pari a circa 3 miliardi di euro, ritornato in positivo rispetto al passato. Un flusso di utili che va ad alimentare le politiche di sviluppo delle iniziative a supporto del territorio, con un patrimonio netto cresciuto di circa 5 miliardi di euro rispetto al 2015.

Il totale dell'attivo di bilancio si è attestato a oltre 367 miliardi di euro, in aumento di circa il 3 per cento rispetto all'anno precedente. Una dinamica principalmente riconducibile alle maggiori disponibilità liquide derivanti dagli investimenti a breve termine.

Nello specifico dalla Relazione emerge che oltre 18 miliardi di euro sono stati stanziati per il finanziamento di circa 20.000 piccole e medie imprese italiane, mentre quelle che hanno complessivamente beneficiato del sostegno del gruppo sono state oltre 40.000. Particolarmente positiva per l'internazionalizzazione delle imprese, secondo la Corte dei Conti, è risultata, inoltre, la creazione del "polo dell’export", in seguito all’integrazione delle attività del gruppo. Sace, quale società preposta all'assicurazione dei crediti all'esportazione, ha messo a disposizione delle imprese esportatrici circa 41 miliardi di euro, risultando così tra le prime Export Credit Agency al mondo in termini di volumi mobilitati.

In ambito europeo Cdp si è posizionata come il primo operatore per l'utilizzo dei fondi del piano Juncker, mentre gli investimenti in Equity lungo tutto il ciclo di vita delle imprese sono stati pari a circa 7 miliardi di euro. L'impegno del settore immobiliare è continuato con la promozione del social housing e dello smart housing, la regolarizzazione degli immobili pubblici ed il sostegno del settore turistico.

Una vocazione sociale che si è consolidata, inoltre, con oltre 7 miliardi di investimenti in impieghi della sostenibilità sociale, 100 milioni di euro di investimenti in equity per la social economy e la realizzazione di circa 30.000 alloggi per il Social housing. Cdp ha emesso inoltre il primo "Social Bond" in Italia per un importo di 500 milioni di euro, destinato alle piccole e medie imprese situate nelle aree colpite da disastri naturali. Oltre 1 miliardo di euro è stato indirizzato alle iniziative "green" ed all'efficientamento energetico. Infine, 600 milioni di euro sono stati utilizzati per i progetti di cooperazione internazionale per i paesi in via di sviluppo.

Nel 2017 è inoltre proseguita l’attività a sostegno della finanza locale attraverso una rinegoziazione dei finanziamenti che nel 2017 è risultata pari a 9,3 miliardi di euro.

Infine, conclude la Corte dei Conti, emergono sempre più frequenti quelle che la stessa Società definisce "operazioni straordinarie" che sembrano essere dettate da necessità contingenti piuttosto che da strategie dell'Istituto. Al riguardo – osserva la Corte – "la mission di Cdp, pur nella sua ampia definizione statutaria, deve essere intesa come volta alla ricerca dello sviluppo di produzioni innovative che siano alla base della crescita futura, in coerenza con il Piano Industriale e con la politica industriale del Governo e del Parlamento a garanzia della fedeltà di Cdp alla sua missione".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.