Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 19 Giugno 2019, ore 17.29
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

BCE, Coeurè: "Italia non è minaccia per l'Europa"

"Ue più necessaria che mai": lo ha detto il Membro del Comitato esecutivo della BCE

Economia ·
(Teleborsa) - "L'Ue è più che mai necessaria che mai per i suoi oltre 500 milioni di cittadini. Ma dobbiamo lavorare di più per garantire che i giovani adulti - molti dei quali devono affrontare prospettive di lavoro altamente incerte - possano trarre tutti i benefici di un'Europa unita". Lo ha sostenuto il Membro del comitato esecutivo della Bce Benoit Coeurè, nella parte introduttiva del suo discorso all'incontro "Generazione euro. Cosa l'Europa può fare per te", organizzato dall'Università Bocconi.

LA SPINTA "GIOVANE" - "Per realizzare un'Europa più forte, tutti, compresi i giovani, devono parlare e farsi coinvolgere nei dibattiti", ha aggiunto rivolgendosi direttamente alla platea di studenti dell'Ateneo milanese.

LO ZAMPINO DELLA CRISI - Ma anni di crisi - ha sottolineato - hanno portato alcune persone a mettere in discussione questa idea dell'Europa e i critici dell'Unione europea sono aumentati negli ultimi anni.

ITALIA NON E' MINACCIA PER L'EUROPA - Non manca, ovviamente, un passaggio sul nostro Paese: "Oggi l'Italia è in recessione tecnica, ha un problema di crescita bassa", ma "non c'è motivo" per cui resti in recessione, anche se in ogni caso "la crescita sarà lenta". Coeurè ha anche precisato che la situazione economica dell'Italia "non è una minaccia per l'Europa".

OBIETTIVO CRESCITA - L'esponente della Bce ha invitato però a concentrarsi sulla sfida di una prospettiva di crescita a lunga gittata. "La discussione più importante è quella sulle politiche per una crescita a lungo termine", ha spiegato sottolineando che questa "non ha a che fare con la Ue" ma con "un uso migliore dei punti di forza dell'economia italiana".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.