Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 20 Luglio 2019, ore 06.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Banche, prestiti in crescita e mutui in accelerazione

E' quanto emerge dall'ultimo rapporto mensile dell'ABI, che conferma anche un massiccio calo delle sofferenze bancarie (33,4 miliardi), a conferma del miglioramento della qualità dle credito

Finanza ·
(Teleborsa) - I prestiti al settore privato si confermano in crescita, soprattutto i mutui, che confermano un aumento significativo rispetto alla media delle erogazioni a famiglie ed imprese. E' quanto emerge dall'ultimo rapporto mensile dell'ABI.

I prestiti a famiglie e imprese registrano una crescita su base annua dell'1,1%, stando ad una stima basata su dati bankitalia, che appare ancor più forte per il mercato dei mutui. L’ammontare totale dei mutui in essere delle famiglie registra una variazione positiva di +2,5% su base annua.

A fronte di un'offerta più ampia, i tassi di interesse continuano a scendere: quelli per l'acquisto di abitazioni si portano all'1,91% dall'1,95% di gennaio (erano 5,72% a fine 2007), quelli per il finanziamento alle imprese è risultato pari all'1,49% rispetto all'1,47% il mese precedente (5,48% a fine 2007). Il tasso medio sul totale dei prestiti è pari al 2,57% (2,58% il mese precedente e 6,18% prima della crisi a fine 2007).

Prosegue inoltre il ridimensionamento delle sofferenze bancarie. Le sofferenze nette (cioè al netto delle svalutazioni e accantonamenti già effettuati dalle banche con proprie risorse) a gennaio 2019 si sono attestate a 33,4 miliardi di euro in forte calo rispetto ai 59,4 miliardi di gennaio 2018 (-26 miliardi pari a -43,7%) ed ai 77,5 miliardi di gennaio 2017 (-44 miliardi pari a -56,9%). Rispetto al livello massimo delle sofferenze nette, raggiunto a novembre 2015 (88,8 miliardi), la riduzione è di oltre 55 miliardi (pari a -62,4%).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.