Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 22 Agosto 2019, ore 11.28
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

CNA, diminuiscono i Neet italiani ma l’Italia rimane "maglia nera" d’Europa

Dati che allarmano, per quanto riguarda i giovani italiani dai 20 ai 24 anni. La ricetta della Confederazione per una inversione di rotta

Economia ·
(Teleborsa) - Un dato preoccupante, quello che arriva dall'indagine del Centro Studi CNA, riguardo il numero dei Neet italiani. Ma cosa sono i Neet? Rappresentano persone, sopratutto giovani che non cercano e non hanno lavoro, ed il nostro paese rimane la maglia nera europea dai 20 ai 24 anni.

Nonostante un miglioramento rispetto al 2014, quando i Neet erano il 32% della popolazione giovanile, il valore si stabilizza fra il 28,1% alla fine del 2018. Dati, però, che potrebbero essere fuorvianti in quanto, secondo l'Eurostat, accomuna due Italia completamente diverse in quanto un neo-diplomato su tre riesce ad inserirsi nel mercato del lavoro entro tre anni dal conseguimento del diplomo. Rispetto a prima della crisi, i Neet italiani sono aumentati del 5,5%, incremento più alto in Europa. Ad esempio, in Francia e in Spagna la crescita del loro numero è stata ben più lieve (rispettivamente +1,4 e +1,1 per cento) mentre nel Regno Unito (-1,9 per cento) e in Germania (-4,3 per cento) si sono addirittura ridotti.

La situazione, con molta probabilità, è determinata anche dalla difficoltà di trovare un lavoro, in quanto il 49,1% dei Neet cerca con insistenza lavoro, ma difficilmente lo trova. Anche chi cerca di associare allo studio una prima occupazione incontra ostacoli quasi insormontabili, in Italia, con solo il 5% che ci riesce.

La ricetta della CNA per una inversione di rotta
La politica potrebbe agire per migliorare la situazione: potenziare l'integrazione fra i diversi strumenti di occupazione e formazione, alternanza scuola-lavoro, contratti di apprendistato, incentivi per l'assunzione dei giovani e dei residenti nel Mezzogiorno sono solo alcune delle proposte offerte dall'analisi di CNA.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.