Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Ottobre 2019, ore 03.59
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Le due Soyuz attraccate alla stazione spaziale

La MS-14 senza equipaggio si è agganciata al modulo Zvezda. Oggi il rientro della capsula Dragon che testerà un nuovo sistema di protezione termica

Economia, Spazio ·
(Teleborsa) - La navicella Soyuz MS-14 senza equipaggio, con a bordo il robot umanoide Skybot F-850 e il telescopio italo-russo Mini-EUSO, ha attraccato alle 5:09 del mattino al nodo Zvezda della stazione spaziale internazionale. L’operazione di avvicinamento e aggancio è stata condotta in modo automatico, seguita e controllata dall’equipaggio, tra cui Luca Parmitano, il quale insieme ad altri due colleghi aveva provveduto 24 ore prima allo spostamento dell’altra navicella Soyuz MS-13 in un diverso punto di attracco per consentire di superare il problema che aveva costretto a interrompere la manovra di arrivo della MS-14.

Alle 16:42 odierne è previsto il rilascio e il rientro della capsula Dragon CRS-18. Durante il rientro in atmosfera saranno testate le piccole piastrelle in ceramica poste nel bordo dello scudo termico: SpaceX sta sviluppando un nuovo sistema di protezione termica per un veicolo spaziale di prossima generazione, la navetta StarShip, che necessiterà di dissipare al rientro in atmosfera più energia di quanto mai fatto da qualunque altro mezzo finora.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.