Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 14 Dicembre 2019, ore 02.26
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Poco mossa la Borsa americana

Il sentiment degli investitori è in parte condizionato dai nuovi attacchi del Presidente USA, Donald Trump che ha annunciato l'intenzione di ripristinare i dazi sulle esportazioni di acciaio e alluminio di Argentina e Brasile

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Partenza in calo per la borsa di Wall Street con il sentiment degli investitori in parte condizionato dai nuovi attacchi del Presidente USA, Donald Trump. L'inquilino della Casa Bianca ha annunciato l'intenzione di ripristinare i dazi sulle esportazioni di acciaio e alluminio di Argentina e Brasile. Una notizia che rischia di mettere in secondo piano l’ottimismo per i dati macroeconomici migliori delle attese provenienti dalla Cina.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones si ferma a 28.074,64 punti, attorno ai livelli della vigilia; sulla stessa linea, resta piatto lo S&P-500, con le quotazioni che si posizionano a 3.140,47 punti. Debole il Nasdaq 100 (-0,15%), come l'S&P 100.

Nell'S&P 500, buona la performance del comparto energia.

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Merck & Co (+0,68%), Chevron (+0,63%), Nike (+0,62%) e Intel (+0,62%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Walgreens Boots Alliance, che ottiene -1,01%.

Tentenna Goldman Sachs, con un modesto ribasso dello 0,73%.

Tra i protagonisti del Nasdaq 100, Symantec (+1,45%), Bed Bath & Beyond (+0,96%), Wynn Resorts (+0,84%) e C.H.Robinson (+0,72%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Biogen, che continua la seduta con -2,98%.

Seduta negativa per Vodafone, che mostra una perdita dell'1,78%.

Sotto pressione Akamai Technologies, che accusa un calo dell'1,17%.

Scivola Adobe Systems, con un netto svantaggio dell'1,01%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.