Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Febbraio 2020, ore 16.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Istat: nel 2019 cala la produzione agricola

Calo del volume pari all’1,3%, vistosa diminuzione del vino a -12,0%: buon recupero per l’olio di oliva a +32,0%

Agroalimentare, Economia ·
(Teleborsa) - Nel 2019 è calata la produzione agricola. Lo certifica l'Istat che ha evidenziato una diminuzione in volume per la produzione dell'agricoltura dell'1,3%: la flessione, chiarisce l'Istituto, è stata causata principalmente da fattori climatici sfavorevoli.

Netto il calo della produzione di vino, diminuita del 12,0% dopo l'exploit del 2018, quando era aumentata del 14,3%. Altri settori hanno subìto cali rilevanti quali: frutta (-3,0% contro il +1,4% del 2018), cereali (-2,6%, +3,5% nel 2018), piante industriali (-1,6% contro +7,0% del 2018) e produzione zootecnica (-0,3%, -0,5% nel 2018).

In netta crescita invece la produzione dell'olio che ha registrato un +32,0% dopo il crollo registrato nel 2018 (-36,9%). Dinamiche positive, come nel 2018, anche per le coltivazioni foraggere (+3,5%), le patate (+2,0%) e gli ortaggi (+1,1%). Confermato il trend positivo delle attività secondarie (+1,3%) e delle attività dei servizi (+0,4%).

Più contenuta, rispetto al 2018, la crescita sia dei prezzi alla produzione (+0,7% contro +1,4% dell'anno precedente) sia di quelli relativi ai costi (input) sostenuti dagli agricoltori (+0,9% contro +4,4%). L'andamento congiunto dei prezzi dell'output e dell'input - rileva l'Istat - ha indotto nel 2019 un lieve peggioramento della ragione di scambio per il settore agricolo (-0,2%). Nel complesso, il valore aggiunto lordo a prezzi base è diminuito del 2,7% in volume.

Modesto calo (-0,1%) per le Unità di Lavoro (Ula), sintesi di un incremento dei lavoratori dipendenti (+0,4%) e di un calo di quelli indipendenti (-0,4%).

I contributi alla produzione ricevuti dal settore sono aumentati del 3,8%, valore che segue il forte incremento del 16,8% registrato nel 2018.

Cala anche il reddito dei fattori, diminuito del 2,2% in valore: di conseguenza anche l'indicatore di reddito agricolo ha registrato un decremento del 2,6%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.