Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 8 Aprile 2020, ore 21.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Coronavirus, Conftrasporto: logistica e trasporti a rischio

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Il sistema della logistica e dei trasporti rischia di incepparsi. A lanciare l'allarme il Segretario generale di Conftrasporto-Confcommercio Pasquale Russo (30mila imprese della logistica e dei trasporti rappresentate), che chiede al Governo di intervenire sugli enti locali per imporre un'unica regia a livello nazionale, e di estendere i provvedimenti di sostegno economico e fiscale annunciati anche alle imprese che hanno sede al di fuori delle zone rosse.

NECESSARIA UNICA REGIA A LIVELLO NAZIONALE - "Non si può ragionare per compartimenti stagni, qui stiamo parlando di una catena di lavoro che non opera per segmenti. C'è un'interdipendenza tra i siti di stoccaggio e i trasporti, così come c'è tra gli stabilimenti produttivi e i trasporti, e se si fermano i magazzini, gli stabilimenti - alcuni hanno chiuso perchè in zone rosse - e i trasporti si ferma tutto", spiega Russo.

UN MECCANISMO PERICOLOSO - "C'è un clima di confusione che rischia di fare più danno del dovuto - aggiunge il segretario generale - Quello tra le misure adottate dal Governo e i provvedimenti lanciati in ordine sparso da alcune Regioni e Comuni è un intreccio insidioso, che può portare, sul piano logistico, al blocco dei magazzini e, di conseguenza, dei trasporti, che stanno già avendo difficoltà a far uscire la merce e portarla a destinazione".

USCIRE DALL'EQUIVOCO - "Ci sono siti di stoccaggio da cui dipende il funzionamento di tutta la filiera distributiva, che si trovano all'esterno delle zone rosse, e che, in ragione di questo, dovrebbero essere operativi - prosegue Russo - Ma in diversi casi i dipendenti risiedono nelle zone rosse, dalle quali non possono uscire per recarsi al lavoro. Stiamo parlando di centinaia di lavoratori. Dire che quei depositi stanno lavorando a ranghi ridotti è un eufemismo".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.