Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 27 Maggio 2020, ore 04.18
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Accordo ABI-sindacati su chiusura sportelli. Unicredit ferma oltre 70% filiali

Rafforzate invece le misure di sicurezza nelle filiali che restano aperte

Finanza ·
(Teleborsa) - Porte sbarrate in banca: chiudono più della metà delle filiali, mentre misure "speciali" sono previste per gli sportelli che restano aperti al pubblico con orari ridotti, squadre alternate e kit di prevenzione. E' quanto stabilito dal protocollo firmato ieri da Abi e sindacati, che limita l’attività bancaria di sportello all’assistenza alla clientela.

Non è passata la linea tenuta dai sindacati
che avevano richiesto – in via non pregiudiziale – la chiusura totale degli sportelli per due settimane. La scelta su come agire è stata quindi demandata alle singole banche.

Il principio comune degli istituti bancari è stato quello di ridurre al minimo i contatti tra bancari e clientela, ma certamente la linea più "dura" è stata quella seguita da Unicredit che ha sbarrato oltre il 70% delle sue filiali, lasciando aperte solo quelle maggiori. Impossibile anche effettuare versamenti di assegni sugli sportelli ATM, perché in filiale manca il personale che possa controllarne la validità. Orari ridotti invece per Intesa Sanpaolo, con apertura quotidiana la mattina per le più grandi ed a giorni alterni per quelle di medie dimensioni, chiuse le sedi minori. Approccio diversificato per Banco BPM che chiude 500 filiali e per altre 850 fissa la turnazione del personale, che è stato dotato di specifici kit protettivi. Misure rafforzate ed orario preservato per le filiali più grandi di UBI mentre lavorano da remoto tutti i bancari delle sedi centrali.

Il Protocollo ABI-sindacati stabilisce, a tutela dei bancari ancora al lavoro nelle filiali, ulteriori misure di sicurezza su accesso fornitori, pulizia e sanificazione, precauzioni igieniche sanitarie, dispositivi di protezione individuale, servizi e contatto con il pubblico, organizzazione aziendale, sorveglianza sanitaria. Previsto dall’accordo, inoltre, che in questa fase di crisi partecipi al tavolo nazionale anche un rappresentante dei lavoratori per la sicurezza per organizzazione sindacale.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.