Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 9 Aprile 2020, ore 03.08
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Sicurezza, confronto Governo-Sindacati: si lavora per evitare sciopero

"Massima disponibilità per arrivare a un punto d'incontro", dice il Viceministro dell'Economia Misiani

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Ore decisive nel confronto tra sindacati e Governo che prosegue in un clima costruttivo, come riferiscono le fonti sindacali. La riunione in videoconferenza che ha preso il via nella tarda mattinata di oggi tra i leader di Cgil, Cisl e Uil (Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo) e i Ministri dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, e sell'Economia, Roberto Gualtieri, riprenderà intorno alle 17.00. Prima della ripresa andrà avanti il confronto tecnico tra gli stessi sindacati.

"Non ci sono ancora notizie ufficiali. C'è la massima disponibilità da parte del Governo per arrivare a un punto d'incontro". Lo ha detto il Viceministro dell'Economia, Antonio Misiani, a Skytg24.

"L'ultima cosa che possiamo permetterci oggi - ha detto - è una conflittualità sociale in una situazione di emergenza. E' compito di enorme complessità decidere cosa chiudere e cosa mantenere aperto. Ci sono filiere, interconnessioni, catene produttive e non possiamo correre il rischio di interrompere filiere cruciali per la sicurezza e la salute dei cittadini. D'altro canto abbiamo il dovere di garantire la salute dei lavoratori. Il Governo deve fare tutto il possibile per evitare che ci sia lo sciopero, dialogando come stiamo facendo per trovare il miglior punto d'incontro possibile in una situazione di emergenza nazionale".

La richiesta dei sindacati è chiara: sicurezza dei lavoratori al primo posto. In quest'ottica, chiedono con forza di modificare il decreto in senso più restrittivo minacciando lo sciopero ove non ci saranno le condizioni di tutela. Per i sindacati, infatti, molte delle attività non sospese non sono indispensabili o essenziali e, per questo, chiedono di sfoltire l'elenco previsto dall'ultimo Dpcm.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.