Giovedì 9 Luglio 2020, ore 10.35
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Imprese, Gualtieri accelera su "Patrimonio Rilancio"

Uffici stanno già lavorando all'elaborazione del decreto attuativo

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - "Una soluzione magica e miracolosa che in una riga dà a tutti ciò che è giusto, difficilmente è perseguibile nella pratica" e "non abbiamo ancora ascoltato risposte precise che realizzino questo miracolo". Lo ha detto il Ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, da questa mattina davanti alle Commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato, in audizione sul Dl Rilancio che getta le basi della ripartenza per il nostro Paese.

La strada è in salita ma il Titolare del Tesoro rivendica le misure messe in campo dal Governo, molte delle quali "sono auto-attuative e alcune sono state già attuate, come il pagamento da parte dell'INPS della seconda tranche del bonus autonomi. E se la gran parte sono già operative, le altre saranno attuate con "grande rapidità", garantisce Gualtieri puntualizzando anche che il "meccanismo dei ristori a fondo perduto sarà operativo dal mese di giugno". Chiarito che, purtroppo, non c'è alcuna bacchetta magica in grado di risolvere tutte le criticità, Gualtieri rivendica che obiettivo principale dell'esecutivo è comunque non lasciare indietro nessuno, mantenendo intatto l'impegno a realizzare una "riforma fiscale ispirata ai principi di semplicità, progressività, riduzione del carico fiscale su lavoro e impresa, digitalizzazione e contrasto all'evasione fiscale"

Cuore del Dl Rilancio, sostegni alle ricapitalizzazione e detassazione degli aumenti di capitale per le imprese tra i 5 e i 50 milioni di ricavi e l'intervento di Cassa Depositi e Prestiti (CDP) per le imprese oltre i 50 milioni di fatturato, con un "Patrimonio destinato" (Patrimonio Rilancio), separato dalla Cassa, per il sostegno e il rilancio del sistema economico produttivo italiano attraverso il quale si potranno concedere alle società per azioni, anche quotate, prestiti obbligazionari convertibili, garantire la partecipazione ad aumenti di capitale e l'acquisto di azioni quotate sul mercato secondario in caso di operazioni strategiche.

L'istituzione di "Patrimonio Rilancio"- chiarisce Gualtieri - "consentirà di effettuare interventi di supporto alla ricapitalizzazione di S.p.A. con sede in Italia che abbiano un fatturato superiore ai 50 milioni di euro" e "gli uffici stanno già lavorando all'elaborazione del decreto attuativo, con il quale saranno definiti condizioni, criteri e requisiti di accesso.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.