Mercoledì 25 Novembre 2020, ore 01.08
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Chiesa dentro la storia. Cardinale Zuppi: "Tempo di grande trasformazione"

E sulla tecnologia: "Una Sfida enorme. Occorre dare regole per evitare che diventi disumana"

Cultura, Economia ·
(Teleborsa) - Chiesa, vita, tecnologia: un confronto che investe appieno il tempo di oggi, riproponendo una lettura dinamica della storia e della relazione fra la Chiesa ed il mondo. E' quanto emerso da una intervista al Cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna, alla testata The Science of Where Magazine.it, diretta da Emilio Albertario.



"La Chiesa non vive in una dimensione solo spirituale ma deve calare lo spirituale nella storia", ha affermato il Cardinal Zuppi, spiegando che "la storia diventa, ed è, un elemento dialettico, di confronto" in cui "scoprire i tanti semina verbi", ovvero i "segni dei tempi" che vanno letti e compresi per "vivere e annunciare il Vangelo". Uno di di questi segni - afferma - è la pandemia che "pone alla Chiesa una domanda spirituale" e trova "una risposta" nell'enciclica Fratelli tutti.

Questo - sottolinea il Cardinale - "è un tempo di grande trasformazione" ed anche "la Chiesa stessa vive al suo interno una grande trasformazione". "Papa Francesco - aggiunge - ha l'enorme vantaggio di avviare un dialogo su tutti i temi, non c'è niente che non possa essere rivisto, capito, anche nel riaffermare la verità di sempre".

Di qui il senso del binomio verità-tradizione: "La tradizione - afferma - è spendere il talento, la verità che ci è stata affidata. La vera tradizione è sempre dinamica, non è mai inerte".

Per l'Arcivescovo di Bologna occorre "colmare una distanza grande tra la Chiesa e la vita delle persone", evitando gnosticismo e pelagianesimo, permettendo "a tanti di riavvicinarsi alla visione della Chiesa". "È notevole come abbiamo riaperto il dialogo con tanti: senza dialogo, senza relazione, non c'è annuncio del Vangelo. Se si chiude, la Chiesa si ammala", afferma.

Un cenno anche alla tecnologia che definisce "una sfida enorme", perché "senza etica l'intelligenza artificiale può diventare terribile". Occorre dunque "avere delle regole e evitare che la stessa diventi disumana". L'intelligenza artificiale è qualcosa che appartiene alla nostra realtà", afferma il Cardinal Zuppi, aggiungendo che "la Chiesa non può non misurarsi con questo fenomeno" ed occorre "allearsi" per "governare ciò che, altrimenti, potrebbe andare contro l'uomo".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.