Martedì 24 Novembre 2020, ore 04.44
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Covid, scontro Regioni-Governo su parametri. Speranza: restano 21

Il ministro della Salute stoppa sul nascere la proposta delle regioni di 5 nuovi parametri per definire il rischio di contagio

Salute e benessere ·
(Teleborsa) - Non dovrebbero più essere 21, ma soltanto 5, gli indicatori in base ai quali si decide il rischio di contagio nelle regioni italiane, e quindi il colore delle stesse. Ad affermarlo è la Conferenza delle Regioni che si è riunita ieri per proporre al premier Conte nuovi parametri per le decisioni sulle restrizione, in quanto i 21 oggi in uso appaiono "inadeguati" e quindi "da rivedere" agli occhi dei governatori.



La richiesta delle Regioni è stata però stata bocciata in serata dal ministro della Salute Roberto Speranza: "Avere più indicatori significa avere una fotografia più completa e larga - ha detto il ministro - Questi 21 indicatori li usiamo da maggio e ci hanno aiutato a leggere l'epidemia, dopo di che il dialogo con le regioni è sempre aperto, ma 21 criteri significa avere fotografia più affidabile, oggi questo è il modello che abbiamo e dobbiamo rispettarlo".

I cinque indicatori proposti dalle regioni sono: la percentuale di tamponi positivi escludendo tutte le attività di screening e re-testing degli stessi soggetti, un Rt calcolato sulla base della sorveglianza integrata Iss, il tasso di occupazione dei posti letto totali di terapia intensiva per pazienti Covid e quello dei posti letto totali per pazienti-Covid oltre alla possibilità di garantire adeguate risorse per contact-tracing, isolamento e quarantena e il numero, tipologia di figure professionali e tempo/persona dedicate in ciascun servizio territoriale al contact-tracing.

"L'obiettivo è quello di avere a disposizione dei parametri subito disponibili da parte delle Regioni, che devono essere il frutto di un confronto con la parte tecnico-scientifica sia a livello nazionale che regionale. Confronto che deve essere da supporto per la decisione finale che non può che essere di carattere politico", aveva sottolineato a fine incontro il presidente della Regione del Friuli Venezia Massimiliano Fedriga. Guardava già ai prossimi provvedimenti del Governo il governatore della Liguria Giovanni Toti. "Il 3 dicembre scade anche il Decreto del Presidente del Consiglio che regola attualmente il contrasto al Covid. Prima di rinnovare il provvedimento occorre stabilire un meccanismo di condivisione delle decisioni poi efficiente e comprensibile per i cittadini. Oggi le istituzioni devono lavorare insieme, evitando le troppe polemiche e i giudizi sommari di questi giorni".

Intanto, le prime regioni a cui sono state imposte le restrizioni più severe saranno anche le prime a essere sottoposte a una nuova valutazione, dal 20 novembre. Le prime a essere dichiarate rosse, ovvero Lombardia, Piemonte, Calabria, Valle d'Aosta ed Alto Adige (Provincia autonoma), potrebbero quindi sperare in un allentamento delle misure, se non in tutto il territorio regionale almeno in alcune province.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.