Facebook Pixel
Domenica 19 Settembre 2021, ore 12.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Legge di Bilancio: Anief presenta 65 emendamenti su Scuola, Università e Ricerca per affrontare emergenza Covid

Economia, Scuola ·
(Teleborsa) - Migliorare il Disegno di Legge di Bilancio 2021, è quello che intende realizzare l'Anief attraverso la presentazione – alla V Commissione della Camera – di oltre 50 emendamenti specifici per il settore dell'Istruzione messo a dura prova dal Covid19 e con il paese che si appresta ad affrontare il 2021 con un deficit di quasi 200 miliardi. Il presidente Marcello Pacifico illustra le novità in un webinar aperto a tutto il personale docente venerdì 27 alle ore 17. E' possibile registrarsi al seguente link: https://register.gotowebinar.com/register/1266007786248871183



A dicembre se ne riparlerà nei seminari di legislazione scolastica di formazione del personale in ogni provincia.

Le richieste di modifica del sindacato autonomo si occupano di molti dei titoli affrontati nel provvedimento legislativo: dalla riduzione della pressione fiscale e contributiva alla crescita e investimenti, dal sud e coesione territoriale a lavoro, famiglia, politiche sociali, dalla scuola, università e ricerca alla pubblica amministrazione e lavoro pubblico.

Le modifiche puntano soprattutto a dare impulso agli organici, alla lotta al precariato, agli stipendi, a dei concorsi finalmente giusti ed utili ad assumere su un numero record di posti vacanti, ad una mobilità più equa, ad un trattamento corretto del personale Ata, con il caso clamoroso dei Dsga, alla stabilizzazione degli insegnanti di religione che attendono ormai da oltre 15 anni, a delle ricostruzioni di carriera che continuano a non considerare in toto gli anni di precariato.

"Riteniamo – ha detto Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief presentando l'alto numero di emendamenti alla stampa – che questo sia il momento opportuno per rilanciare in fretta la scuola e il settore tutto della Conoscenza. Una operazione indispensabile per la crescita dei cittadini e dall'economia del paese, la cui importanza si è ben palesata in questa fase di emergenza sanitaria".

"Le nostre richieste intendono tutelare tutte le parti in causa, ad iniziare dai lavoratori che rappresentiamo ai quali si continuano ad assegnare tra gli stipendi più bassi in Europa sebbene proprio durante la pandemia abbiano dimostrato un altissimo attaccamento alla professione e ai loro studenti".

"L'incremento dello stipendio per il personale di 100 euro, quindi, va considerato solo un inizio, visto che lascerebbe comunque le buste page ben sette punti sotto il costo della vita. Senza dimenticare il rischio biologico mai riconosciuto. E poi c'è sempre da sperare che venga rifinanziata la perequazione che non riduce gli stipendi più bassi. Tra le proposte presentate non abbiamo di certo dimenticato il rilancio di settori altrettanto strategici, come l'Università, la Ricerca e l'Alta formazione" ha concluso il presidente Pacifico.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.