Sabato 23 Gennaio 2021, ore 22.12
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Annunciate le dimissioni delle ministre IV, Renzi apre la crisi di governo

Nessuna certezza sugli sviluppi della crisi. Il leader di Italia Viva: pronti a discutere di tutto, non abbiamo nessuna pregiudiziale né su formule né su nomi

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - "La crisi politica non è aperta da Italia Viva, è aperta da mesi". Matteo Renzi ha annunciato le dimissioni dal governo della delegazione di Italia Viva – le ministre Elena Bonetti e Teresa Bellanova e il sottosegretario Ivan Scalfarotto – aprendo di fatto la crisi dell'esecutivo.



Il leader di IV ha escluso il ritorno al voto – "non si vota ora, si vota nel 2023" – e ha duramente attaccato il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte: "il re è nudo. Risolviamo i problemi. Pensare di risolvere con un tweet, un post o su Instagram è populismo. La politica richiede il rispetto delle liturgie della democrazia. Poiché c'è la pandemia occorre rispettare le regole democratiche". "Questo è il punto fondamentale: non giochiamo con le istituzioni, la democrazia non è un reality show dove si fanno le veline. Questo prevede la nostra costituzione che non è una storia su Instagram".

"C'è una drammatica emergenza da affrontare ma non può essere l'unico elemento che tiene in vita il governo. Rispondere alla pandemia significa avere desiderio e bisogno di sbloccare i cantieri e agire sulle politiche industriali", ha aggiunto.

Non c'è chiarezza su quale saranno gli sviluppi della crisi. "Al Senato abbiamo 18 persone incredibilmente libere. Per quello che noi sappiamo o c'è un progetto per un programma di fine legislatura, allora noi ci siamo. Se il tema è se si formano i gruppi di 'responsabili', fai pure presidente. A me non risulta ci siano alcuni dei nostri ma non grido allo scandalo, penso sia un'occasione persa", ha detto Renzi.

Incalzato su come sbloccare la crisi, Matteo Renzi ha risposto: "tocca al presidente del Consiglio, noi siamo pronti a discutere di tutto, non abbiamo nessuna pregiudiziale né su formule né su nomi". E ha aggiunto rispondendo all'ultima apertura del Presidente Conte: "se c'è un'apertura politica vera, si misura in Parlamento non in un angolo di una piazza. Abbiamo fatto i tavoli politici, se vuoi fare un'apertura vera la fai sui contenuti".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.