Lunedì 12 Aprile 2021, ore 15.33
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Governo, Grillo spiazza: rinviato voto su Rousseau. Oggi Draghi incontra parti sociali

Intanto, svolta europeista della Lega che al PE vota sì al Recovery

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Si è chiuso nella giornata di ieri il secondo round di consultazioni con il Premier incaricato che mette insieme i tasselli raccolti fin qui e vede l'ultima curva. Anche se non è mancato un colpo di scena finale. Le fibrillazioni in casa Cinque Stelle costringono, infatti, Beppe Grillo, al termine dell'incontro con l'ex Presidente BCE, a prendere tempo, rinviando il voto degli iscritti su Rousseau per evitare la spaccatura.



"Mi ha dato ragione su tutto, ma domani votare su queste robe no, aspettiamo un attimo - ha detto in un video -. Aspettiamo lui che abbia le idee chiare, perché lui dirà cosa vuol fare". Ho detto, prosegue Grillo, "primo non ci deve entrare la Lega perché la Lega di ambiente non ha mai capito una mazza di niente. E lui mi ha detto "non lo so, eh vediamo...", sottolinea.

Serve insomma un altro segnale da parte del premier incaricato, che rassicuri la fronda ribelle del Movimento. Segnale che potrebbe/dovrebbe arrivare, secondo un'interpretazione che circola nel Movimento, quando Draghi parlerà al Quirinale dopo il giuramento. E, soprattutto, dopo che avrà stilato la lista dei ministri del nuovo governo. Un governo nel quale Grillo e i vertici del M5S puntano dritti ai temi della transizione ecologica.

Intanto, è arrivata la replica di Salvini: "Incredibile Grillo. Noi confermiamo il nostro atteggiamento costruttivo, responsabile, positivo e che ci porta a non parlare di ministeri e a non mettere veti".

Semaforo verde a Draghi da Berlusconi, Zingaretti, Renzi e Salvini. Sulla strada del professore l'unico stop è quello di Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni. Piena apertura dal leader della Lega, anche sul fisco: "Non aumenta le tasse. Chiediamo la pace fiscale". Non solo, arriva anche la svolta del Carroccio al Parlamento europeo con il sì al Recovery.

Credito senza condizioni da Berlusconi, che ha guidato la delegazione di Forza Italia alle consultazioni. "Nessun veto a prescindere" dal PD. "Con Draghi non abbiamo parlato di rapporti con altri partiti, in particolare con la Lega siamo e rimarremo forze alternative", dice il Segretario Zingaretti per il quale "il punto è verificare quale perimetro programmatico e parlamentare il governo dovrà avere, è la valutazione che deve fare Draghi ed è il cuore di questi colloqui”.

Oggi, intanto, altra giornata densa per Draghi impegnato nei colloqui con le parti sociali, altro tassello del puzzle.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.